VITERBO Nella mattinata di ieri notevole successo per la premiazione-concerto tenutasi all’Auditorium UNITUS di Santa Maria in Gradi.

La dirigente Loretta Bucciotti ha inaugurato la cerimonia di premiazione, sottolineando che il complessivo successo della manifestazione è da attribuire alla felice sinergia attivatasi tra tutto il personale della scuola “Egidi”, dal paziente supporto dei collaboratori scolastici al lavoro svolto dalla dirigente amministrativa e dai suoi assistenti, dalla disponibile e cortese collaborazione degli insegnanti della mattina al supporto dei genitori ma soprattutto all’entusiasmo e bravura dei ragazzi.

La manifestazione di ieri è stata presentata dalla instancabile Dolores Gravili. Il concerto è iniziato con l’estro e fantasia dell’ensemble di clarinetti della scuola “Egidi” diretto da Silvio Capitoni, che ha eseguito il “Capriccio” di Grundman, Con il brano “Passepied” di Debussy, ha invece manifestato notevole intensità espressiva il giovane pianista Isaia Ferrario della scuola Comunale, allievo di Maria Cristina Paolucci. Dal canto suo la violinista Veronica Lunghini del CESMI ha dimostrato grande sensibilità personale. Nella sua interpretazione si è udita l’inconfondibile eco della scuola di Naomi Barlow. Con l’esecuzione di studi e di brani come “Snowflight” Sara Ercoli ha saputo far capire che cos’è il talento: quel talento coltivato e curato in lei da Luca Dormino.

La seconda parte del concerto è stata interamente dedicata agli studenti del Liceo musicale “Santa Rosa”. Prima Simone Mechelli e Lorenzo Campi al pianoforte hanno eseguito rispettivamente “l’Improvviso” op. 90 n. 2 di Schubert e la “Toccata” di Casella (due giovani musicisti esempio di assoluta eccellenza, entrambi allievi di Annalisa Bellini); poi la flautista Anita Capuzi, allieva di Donato Cambò, ha eseguito la “Sonata” di Donizetti con doveroso rispetto della pagina musicale e spiccata sensibilità personale. Il quintetto di ottoni infine, preparati da Armando D’Eugenio, ha splendidamente eseguito brani di Susato, Haendel, Warlock chiudendo il concerto con l’accattivante “Just a Closer Walk” di Gill. Tutti i brani sono stati a lungo applauditi da un pubblico piacevolmente coinvolto e soddisfatto.

La dirigente ha anche consegnato sei premi speciali (offerti da Music Shop): a Grassotti Ulisse e Manoni Gabriele (pianoforte); Biaggi Ester (sezione archi); Battaglini Leonardo (chitarra); Taschini Alessandro (clarinetto) nonché all’ensemble di chitarre della “Egidi”.

Il risultato della manifestazione è stato di alto livello: con buona probabilità, molti di questi giovani sono destinati a carriere di primo piano.
Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email