Seminario internazionale sulla sempre più diffusa arte marziale originaria dell’Asia centrale

La palestra Drago d’Oro Gym di Canepina, punto di riferimento per l’apprendimento e la pratica delle arti marziali, ha partecipato con successo al seminario internazionale di kurash, antica arte marziale originaria dell’Asia centrale, svoltosi a Roma nel weekend del 26 e 27 marzo 2022.

Soddisfazione, quindi, per la scuola del maestro Pietro Cipriani per le qualifiche raggiunte dai suoi tecnici, che in occasione di questo evento di formazione hanno conseguito queste qualifiche: Kris Cipriani 5 bande bianche (equivalente al 2° grado cintura nera di judo), allenatore 1° livello e arbitro 1° livello nazionale; Emanuele Ippoliti 5 bande bianche, allenatore 1° livello e arbitro 1° livello nazionale; Giuseppe Chiapparo 4 bande bianche (equivalente alla cintura marrone di judo) e arbitro; Emanuele Minella, 4 bande bianche e arbitro. La commissione esaminatrice era composta dal maestro internazionale Lincoln Han e dai maestri Michele Mattioli e Vito Aufieri, con la supervisione del maestro benemerito Massimo Mattioli, coordinatore tecnico della federazione italiana.

Il seminario di kurash, presso il San Gabriel Gymnasium in zona Eur, è stato tenuto dal maestro Reza Nassiri, direttore tecnico dell’International Kurash Institute (IKI), di una delegazione arrivata da Tashkent, capitale dell’Uzbekistan, paese dove il kurash è sport nazionale: oltre a Nassiri, Khabibulla Tadjiev (rettore IKI), gli istruttori della federazione uzbeka (UKF) Mukumov Jonibek e Olim Ravshanov, Anna Ulanova Khurshida Iakupova, rispettivamente capo e specialista del dipartimento relazioni internazionali dell’IKI. Ha partecipato anche Vittorio Giorgi, console onorario dell’Uzbekistan e presidente della Federazione Italiana Kurash e lotte tradizionali (FIKULT).

Il kurash è un’antica lotta che sta riscontrando in tutto il mondo un numero sempre maggiore di praticanti e che nella Tuscia è possibile apprendere presso la palestra Il Drago d’Oro Gym di Canepina, insieme a kung fu per adulti e bambini, tai chi (ginnastica morbida cinese), pilates, tag fit, crossfit e allenamento funzionale. Il kurash è stato riconosciuto come disciplina sportiva dal Comitato Olimpico dell’Asia (OCA) ed inserito nel programma degli Asian Summer Games, Asian Beach Games ed Asian Indoor and Martial Arts Games. L’appuntamento romano è stato finalizzato alla formazione di nuovi tecnici, provenienti da varie regioni italiane, e a migliorare la preparazione degli atleti della Nazionale che a fine anno saranno impegnati ai campionati mondiali di kurash.

Articolo precedenteTarquinia, controlli sulle attività di pesca abusiva dei ricci di mare, sanzioni e sequestri
Articolo successivoNomadi digitali in Spagna: gli strumenti online più utili per imparare la lingua