Foto LaPresse/Gian Mattia D'Alberto 08/03/2017 Lido di Camaiore (Italia) Sport Ciclismo Gara Ciclistica Tirreno Adriatico 2017 - Prima tappa - Cronometro a squadre. Nella foto: la gara

 

LIDO DI CAMAIORE – La BMC Racing Team ha vinto la Tappa 1 della Tirreno-Adriatico NamedSport, la Cronometro a Squadre di Lido di Camaiore di 22,7 km, fermando i cronometri dopo 23’21”, alla media record di 58,329 km/h.

È la crono più veloce della storia della Tirreno-Adriatico, battuto il precedente record di 56,947 km/h, fatto registrare l’anno scorso sempre dalla BMC Racing Team. Seconda la Quick-Step Floors (23’37”) e terza la FDJ (23’41”). Damiano Caruso è la prima Maglia Azzurra NamedSport.

RISULTATO FINALE
1 – BMC Racing Team – 22,7 km in 23’21”, media 58,329 km/h
2 – Quick-Step Floors a 16″
3 – FDJ a 21″

CLASSIFICA GENERALE
1 – Damiano Caruso (BMC Racing Team)
2 – Rohan Dennis (BMC Racing Team) s.t.
3 – Greg Van Avermaet (BMC Racing Team) s.t.

MAGLIE
Maglia Azzurra, leader della classifica generale, sponsorizzata da NamedSport – Damiano Caruso (BMC Racing Team)
Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Selle Italia – Stefan Kung (BMC Racing Team)
Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da FSA – non assegnata
Maglia Verde, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Snello Rovagnati – non assegnata.

La prima Maglia Azzurra, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Molti di noi sono specialisti della cronometro. Abbiamo vinto come l’anno scorso, ma siamo andati più forte perché quest’anno abbiamo potuto contare anche su Stefan Kung e Rohan Dennis che sono tra i più forti nelle prove contro il tempo: la loro presenza ha fatto la differenza. Forse anche le condizioni meteo hanno contribuito. Alla fine sono passato io per primo sul traguardo e quindi sono io a vestire la maglia di leader della corsa. È un grande onore correre “in casa”, in Italia con questa maglia, vediamo cosa succederà nei prossimi giorni, siamo qui per il nostro leader, Tejay van Garderen.”

Evandro Stefanoni

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email