etruria

Manca davvero pochissimo all’inizio dei Mondiali 2018 di Russia. Giovedì 14 giugno alle ore 17 infatti i padroni di casa affronteranno l’Arabia Saudita dando così inizio all’evento più atteso ogni 4 anni ma dove purtroppo non ci saranno i nostri azzurri. Non capitava da 60 anni, quasi nessuno lo ricorda, e non sarà affatto facile smaltire la delusione.

Comunque andiamo ad analizzare quali sono le squadre favorite per la vittoria finale per magari scommetterci su’ ad esempio su eurobet app. Non si può che partire dai campioni in carica, la Germania. Nell’ultima edizione del 2014 umiliarono il Brasile in semifinale nonostante giocse in casa per poi avere la meglio sull’Argentina solo negli ultimi minuti dei tempi supplementari. Sono una squadra incredibilmente forte e coriacea: difficilmente non la vedremo come minimo fra le prime quattro della manifestazione. Ricordiamo che vincere consecutivamente due coppe del mondo non capita addirittura dal 1962!

Ed abbiamo appena citato le due super squadre sudamericane: Brasile ed Argentina partono da sempre con i favori del pronostico ad ogni edizione ma l’ultima vittoria per il continente oramai risale al 2002 grazie ai carioca. C’è molto interesse soprattutto per l’albiceleste con Lionel Messi che non riesce a consacrare definitivamente la sua carriera con la vittoria di una Coppa del Mondo. L’edizione 2018 sarà quella giusta? Sulla carta all’Argentina non manca nulla, anzi ha soltanto problemi di sovrabbondanza di talenti ma poi vincere lo bisogna sempre fare solo e soltanto sul campo.

Avendo parlato di Messi, per par condicio dobbiamo subito fare riferimento anche a Cristiano Ronaldo. Sempre in linea teorica il Portogallo non sembra avere una rosa in grado di battagliare contro le favorite ma dopo l’impresa agli Europei di due anni fa, ci si può aspettare davvero di tutto dall’immenso talento di CR7 dentro e fuori dal campo.

Tra le favorite non possiamo poi non citare la Spagna: il CT Lopetegui ha deciso di affidarsi ad un interessante mix composto dallo zoccolo duro delle vittorie delle furie rosse e giovani di assoluto talento, sperando di ripetere così la fantastica vittoria del 2010.

Lloris, Matuidi, Pogba e Griezmann è invece il poker d’assi a cui si affida la Francia di Didier Deschamps per tornare a vincere la Coppa del Mondo vinta nel 1998 in casa ma la vediamo comunque leggermente in ritardo rispetto alle altre squadre elencate fino a questo momento.

Tra le favorite non si può invece non mettere il Belgio. Pur non avendo una storia calcistica particolarmente gloriosa, la nazionale si presenta con una lunga serie di talenti e due, Nainggolan e Mertens, sono ben conosciuti dai tifosi italiani. A loro dobbiamo obbligatoriamente aggiungere Dembelé, Witsel,De Bruyne, Hazard e Romelu Lukaku. Se il CT saprà gestire al meglio tutto questo elevatissimo potenziale, sarà davvero difficile fermare il Belgio.

Chissà invece cosa farà la Svezia, la nazionale che ci ha tolto meritatamente la possibilità di partecipare ai Mondiali nei play off dello scorso inverno. Grande curiosità anche per l’Egitto di Salah, il Senegal di Koulibaly e la debuttante Panama che già da ora si candida ad essere la squadra simpatia di questa edizione dei Mondiali.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email