Il Monterosi di D’Antoni argina il Palermo e pareggia meritatamente al Rocchi nel corso di una partita che avrebbe potuto sicuramente vincere se il direttore di Gara in due macroscopiche occasioni occasione non avesse negato il penalty a Piroli e compagni.

Ma il Monterosi ad onor del vero ha affrontato una formazione con tanto di storia calcistica. La squadra guidata da Filippi è molto tecnica ed ostica ma l’undici caro al presidente Capponi non mancato di avere fiducia nei propri mezzi, riuscendo a far sfumare  le bordate degli isolani che sono state controllate e bloccate quasi sempre, tranne quando una distrazione di troppo ha permesso al numero 9 del Palermo, Brunori, di insaccare la palla che gli è stata servita da Dall’oglio nella porta difesa da Morghetto.

Al quarantesimo l’episodio che ha lasciato perplessi tutti, Polidori in fasi di attacco viene sbattuto per terrà, ma Carrione fa finta che non sia successo nulla e salva il Palermo, il rigore era netto.

Il Monterosi consapevole delle proprie possibilità cerca subito almeno il pareggio ma inutilmente, Pelagotti salva acrobaticamente un paio di occasioni. Alla ripresa della singolar tenzone gli uomini di D’Antonio vogliono almeno pareggiare Mbende spadroneggia in difesa ed evita pericoli per la sua porta, poi l’irruenza del 33 viene punita clamorosamente con un cartellino giallo dal direttore di gara.

La partita si fa spigolosa e l’arbitro calma i bollenti spiriti a suon di cartellini gialli. Il Monterosi non cede, vuole pareggiare e ci provano sia Politi, sia Pelagatti che Franchini, ma il pareggio viene realizzato da Cancellieri che batte con un tiro potente e inaspettato che passa sotto le braccia di Pelagotti in tuffo.

Il Palermo non ci sta a pareggiare, vuole vincere e Filippi effettua diversi cambi, inutilmente. Monterosi quindi pareggia con il forte Palermo 1 a 1.

MONTEROSI (3-5-2): Borghetto; Piroli (cap.), Rocchi (43′ st Verde), Mbende; Polito, Parlati (25′ st Franchini), Buglio (25′ st Adamo), Di Paolantonio, Cancellieri; Polidori (39′ st Caon), Costantino.

A disposizione: 1 Alia, 5 Buono, 10 Ferri Marini, 14 Verde, 28 Sdaigui, 99 Caon.

Allenatore:  David D’Antoni.

PALERMO (3-4-2-1): Pelagotti; Buttaro, Perrotta, Marconi; Valente, De Rose (cap.), Dall’Oglio (36′ st Silipo), Giron (14′ st Almici); Luperini (14′ st Odjer), Fella (22′ st Floriano); Brunori (36′ st Soleri).

A disposizione: 12 Massolo, 5 Marong, 7 Floriano, 10 Silipo, 19 Odjer, 27 Soleri, 29 Almici, 31 Corona, 54 Peretti, 77 Doda, 79 Lancini.

Allenatore: Giacomo Filippi.

ARBITRO: Francesco Carrione (Castellammare di Stabia).

ASSISTENTI: Emanuele Bocca (Caserta) –Stefano  Camilli (Foligno).

QUARTO UOMO: Mattia Nigro  Nigro (Prato).

Reti: 22′ pt Brunori, 5′ st Cancellieri

Note: ammoniti: Polito(M), Parlati(M), Polidori(M), Odjer(P), Mbende(M), Perrotta(P).

Recupero: 1′ pt, 5′ st