Tuscania Volley e Asp Civitavecchia insieme per creare nuovi percorsi formativi da mettere a disposizione dei giovani pallavolisti della Tuscia. Dalla rinnovata collaborazione tra le due delle realtà “storiche” del territorio nasce Etruria Volley progetto rivolto al settore maschile presentato sabato mattina in conferenza stampa.

“Dopo il successo del Civitalad assieme al Volley Ladispoli, non solo per il risultato, la B1, ma anche considerando l’unità di intenti che a questo risultato ci ha portato -ha esordito la presidente Asp Marina Pergolesi– inauguriamo oggi questa nuova collaborazione assieme ad una delle realtà più prestigiose del nostro territorio, il Tuscania Volley, società di A. Lo scopo è quello di generare dei percorsi virtuosi in modo da fornire ai nostri ragazzi la soluzione migliore per ciascuno di loro, nell’ottica naturalmente di unire gli sforzi per raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi”.

La collaborazione riguarderà in particolare l’under 15, che oltre al campionato federale parteciperà alla boy league, la serie D con i ragazzi under 17/18, e la serie C con ragazzi under 19/21 che parteciperà anche alla junior League; a quest’ultimo gruppo potranno essere aggregati due fuori quota. La direzione tecnica del progetto bene affidata a Victor Perez Moreno, coadiuvato da Giancarlo De Gennaro, che insieme coordineranno anche l’operato di altri tecnici.

“Chi conosce la nostra storia sa che teniamo molto a certi valori, non per nulla la nostra sede è all’interno di un oratorio -ha affermato Alessandro Cappelli, general manager del Tuscania- e uno dei valori principali è quello di non lasciar fuori nessuno, tutti devono poter giocare a pallavolo, nel contempo però dobbiamo anche assicurare dei percorsi di crescita ai nostri ragazzi. La collaborazione con Asp Civitavecchia è volta proprio a questo, ci consentirà appunto di far vivere ai ragazzi una crescita a 360 gradi, di maturare quelle esperienze che possano farne prima di tutto degli uomini e poi, ci auguriamo, dei bravi atleti”.

“Speriamo vivamente -ha concluso Cappelli- che altre società sportive del circondario si aggreghino al progetto. Naturalmente, questo di oggi è solo il primo passo. Il prossimo mese sarà davvero importante, dovremo lavorare assiduamente sia per organizzare al meglio i tempi e i modi della collaborazione, sia per trasferire questi nostri obiettivi e questi nostri valori ai ragazzi, ai tecnici e alle famiglie”.