TUSCANIA – La Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania liquida in appena un’ora e venti la pratica Club Italia e, complice la contemporanea sconfitta di Aversa a Castellana Grotte 3/2, ne approfitta per consolidare il terzo posto in classifica guadagnando due punti sui campani e uno sui pugliesi, ora secondi dietro Siena che conquista in casa l’intera posta in palio contro Lagonegro 3/0.

Troppo modesti, e fallosi dai nove metri, gli azzurrini di coach Totire per tentare di impensierire un Tuscania davvero lanciatissimo. Agli ospiti va dato comunque atto di aver tenuto testa fino alla fine, soprattutto nel terzo set terminato 28/26 per i padroni di casa. Determinanti i tanti troppi errori al servizio di Piccinelli e compagni.

Prossimo impegno per il Tuscania quello di giovedì 15 in casa della Monini Spoleto per l’incontro valido per i quarti di finale della Del Monte Coppa Italia Serie A2.

Primo set – Club Italia parte subito bene sfruttando gli errori di una Maury’s inizialmente sottotono e prova l’allungo 3-1. Sotto i cori della Bolgia, Tuscania ritorna in sé, supera i capitolini e prova l’allungo 6-3. Gli azzurrini non si arrendono e pareggiano il risultato 8-8. E’ un punto a punto fino a quando con Ottaviani e Maciel i padroni di casa ampliano il divario 18-16. I tuscanesi continuano a fare punti e senza troppi problemi chiudono 25-21.

Secondo set – Gli ospiti iniziano bene come nel primo parziale, ma qualche errore di troppo dai nove metri permette ai padroni di casa di tornare in partita dopo l’iniziale svantaggio 6-4. La Maury’s gioca un’ottima pallavolo e allunga 20-12 con uno Shavrak in grande spolvero e il solito Ottaviani. Dall’altra parte Totire si gioca la carta Maccabruni per Tofoli ma la musica non cambia e Tuscania chiude 25-13.

Terzo set – Club Italia si dimostra più combattiva e mette in difficoltà la Maury’s. I padroni di casa riescono però a rimanere nel set facendo male soprattutto da posto 2 e posto 4. Coach Montagnani cambia un super Shavrak con il “paladino” Buzzelli e Tuscania allunga 17-12. Sembra fatta ma, incredibilmente, i capitolini accorciano e riescono a pareggiare i conti 23-23. Continua il punto a punto con i tuscanesi che alla fine riescono a chiudere 28-26 con Maciel.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email