VITERBO – Il Panathlon Club di Viterbo ha dedicato una serata alla disciplina sportiva del tennis, sia dal punto di vista agonistico, che strutturale ed in questa ottica quale palcoscenico migliore del Tennis Club Viterbo?!?
Il Presidente Angelo Landi, con la collaborazione del “Past President” Roberto Alabiso, ha deciso di organizzare un convegno con relativa conviviale presso gli impianti di Strada Tuscanese. Sede storica del Circolo più antico e prestigioso della nostra realtà viterbese.

“Padrone di casa” Fausto Barili, il giovane Presidente della Tuscia Sporting 73 (proprietaria della struttura). Anche in rappresentanza del Presidente del T.C. Viterbo, Marco Sabatini – impossibilitato ad intervenire per un impegno precedente – ha ringraziato il Panathlon Club di Viterbo per aver consentito a tutti gli interessati allo sport della racchetta di parlare del tennis di ieri, di oggi e di domani.

Roberto Alabiso ha introdotto la tematica ricordando come il Tennis Club Viterbo è stato fondato ben 55 anni or sono da Giorgio Barili e da un gruppo di appassionati che cercavano una sede fissa per svolgere al meglio la propria attività sportiva. Sono stati così illustrati i successi del Club, che appena qualche anno fa è stato per ben cinque volte Campione d’Italia nella serie A/1 femminile, con Schiavone, Pennetta, Garbin, Zhalavova e Floris, così come si è aggiudicato negli anni passati altri titoli nazionali e regionali in molte altre categorie di grande valenza sportiva.

Non più tardi di dieci giorni fa la squadra di serie C maschile, composta di soli atleti viterbesi (Barili, Censini, Fondi, Guerra D., Guerra I., Calandrelli ed in panchina Cardarelli – infortunato) ha vinto la fase regionale dell’importante campionato di categoria, accedendo al tabellone nazionale per la promozione in serie B, che prenderà il via alla fine di giugno.

Sull’onda di tale continuità agonistica il Circolo ha deciso, con la gestione del Maestro Federale Paolo Ricci, di eseguire importanti innovazioni strutturali (tra cui ben sette campi da tennis coperti!) che hanno consentito ai Soci del Club ed agli agonisti delle varie squadre di svolgere sempre e con qualsiasi situazione meteorologica sia l’attività amatoriale, che quella più specifica dedicata ai tennisti di punta.

Fausto Barili ha, quindi, sommariamente elencato le scelte tecnico-sportive del Club e con l’intervento qualificato del Maestro Ricci, i presenti hanno potuto conoscere la realtà di un Circolo che ormai conta una scuola tennis con oltre 150 iscritti e ben 14 squadre agonistiche nelle varie categorie giovanili e non.

Paolo Ricci, a quel punto, ha raccontato di quando 20 anni fa venne per la prima volta a Viterbo e comprese sin da subito le potenzialità di un Circolo, che meritava di avere ben altre platee e con il sostegno di dirigenti appassionati e competenti molti di quei progetti sono stati realizzati nel tempo.

Graditissimi ospiti del Panathlon di Viterbo anche i dirigenti dei due Circoli più importanti ed attivi della Provincia : il T.C. Davis 76 di Civita Castellana ed il T.C. Colle Diana, i cui Presidenti, Sergio Pescetelli e Davide Baiocchi, hanno illustrato agli intervenuti le rispettive realtà sportive e sociali, con gli importanti risultati ottenuti in ambito regionale e nazionale in questi ultimi anni.

Assai significativo è stato, poi, l’intervento dell’olimpionico di tennis in carrozzina Antonio Raffaele, il quale ha raccontato le sue esperienze di atleta con disabilità ed il suo impegno anche presso il T.C. Viterbo, dove è allenato dal Maestro Massimiliano Affinita.

Un lungo ed affettuoso applauso ha salutato le imprese di questo straordinario atleta, che a dispetto di tante difficoltà si è imposto in Italia e nel mondo in una difficile disciplina olimpica.

Dopo una breve conclusione del Presidente Landi e l’intervento di alcuni panathleti la riunione si è trasferita presso il Ristorante “Il Sughero” inaugurato all’interno del T.C. Viterbo giusto un anno fa.

Nel corso della conviviale il Panathlon Club Viterbo ha voluto riconoscere agli ospiti la propria amicizia ed ammirazione con la consegna di gagliardetti e pubblicazioni sulla storia del Club viterbese.

Durante la premiazione, simpatico intervento di Anna Floris, attualmente in forza alla equipe dei Maestri del Circolo e già n.120 delle classifiche mondiali, che ha ricordato sacrifici e successi della sua lunga permanenza al T.C. Viterbo, con un ringraziamento particolare al M° Paolo Ricci che l’ha allenata in questi anni non sempre facili.

A quel punto Roberto Alabiso ha ricordato come l’attuale Presidente della Tuscia Sporting 73 Fausto Barili sia anche il Campione Italiano in carica dell’AIAT, Associazione Italiana Avvocati Tennisti. Ed ha invitato tutti presenti ad un brindisi augurale per gli atleti, i maestri, i dirigenti e tutti gli appassionati dello sport della racchetta di Viterbo e Provincia.

Alle 23,30 il Presidente del Panathlon Club di Viterbo, Angelo Landi ha dichiarato conclusa la manifestazione, augurandosi a breve un nuovo incontro sui temi così importanti affrontati nell’occasione.

Panathlon Club di Viterbo
Commenta con il tuo account Facebook