Si è conclusa la Maratona di Berlino che ha visto protagonista la viterbese Paola Truglio.
Paola non aveva mai corso prima di impegnarsi in quest’esperienza.
Ha accettato la sfida di correre la maratona di Berlino da principiante, nei tempi richiesti dal MICAP – (“Master Internazionale in Coaching ad Alte Prestazioni”) – per poter essere nel club esclusivo dei migliori Coach della squadra capitanata dal celebre fondatore Roberto Ceré.
La Truglio ha conquistato e meritato anche con questa medaglia la certificazione molto ambita di “ Real Result Coach” dimostrando con risultati reali di possedere le qualità del Coach.
Ha affrontato con coraggio e determinazione tutte le prove articolate, complesse e rigorose che questo percorso molto impegnativo richiede per diventare capaci di dare l’esempio e stare al fianco di chi si è perso e cerca la propria strada. Ha superato il campo di sopravvivenza di una settimana in un bosco, a digiuno, dormendo sulla terra fredda a febbraio e tutti gli esami di PNL, la programmazione neurolinguistica, disciplina che identifica i modelli di pensiero e i comportamenti di persone di successo per poterli replicare ed insegnare ad altri ad ottenere i risultati desiderati.
L’atleta viterbese racconta come ha fatto a superare la prova.
“Costanza e disciplina negli allenamenti in questi ultimi due mesidi preparazione la mattina all’alba, prima di andare al lavoro e tanta resilienza per gestire tutte le interferenze e superare gli ostacoli e gli infortuni occorsi, mi hanno permesso di arrivare comunque al mio traguardo, nonostante tutto.
Sono felice e fiera – ha affermato – di aver compiuto anche questa impresa straordinaria con gioia, gratitudine, soddisfazione e stupore. Oggi mi sento più preparata e consapevole di essere capace ad aiutare chi come me vuole mettersi in gioco ed è disposto a sfidarsi e a fidarsi, ad uscire dalla propria zona di confort per scoprire la parte migliore di sé e comprendere che si può andare oltre quelli che crediamo essere i nostri limiti.
Abbiamo tutti grandi potenzialità nascoste, facciamole emergere.
Ho scelto il MICAP perché è un master basato sul merito, ha scritto un nuovo standard nell’alta formazione professionale e ha alzato il livello del coaching nel mondo: non ci sono sconti, evidenzia capacità, competenze e preparazione e certifica solo i professionisti che raggiungono l’eccellenza.
Ringrazio il MICAP per avermi selezionata e me stessa per essermi data l’opportunità di scegliere il miglior percorso di crescita personale e professionale.
Sono orgogliosa di essere parte di questa organizzazione che crea valore e contribuisce con la Fondazione MICAP for ChildrenONLUS  ad assistere bambini svantaggiati in Italia e nel Mondo con la realizzazione di opere di grande utilità sociale”.