VITERBO – Ritrovo al campo sportivo di Grotte S. Stefano alle 9.00 (appena si entra in paese a dx si vede il Campo). La manifestazione è curata dalla Polisportiva Ferentum del Presidente Prof Orlando Serafini in collaborazione con l’Ecomuseo della Tuscia. I percorsi saranno di due Tipologie, il primo di 7 Km circa il secondo di 12 Km.

 

Tutti e due avranno come meta di rilievo la località del Santissimo Salvatore attraversando la macchia di Piantorena. Partenza alle ore 10.00.

 

Descrizione Macchia e S.S. Salvatore:
Nella macchia di Piantorena si può visitare il parco archeologico del Santissimo Salvatore dove, oltre alla piccola chiesa omonima risalente al, XV secolo ci sono i resti di un antico convento, una torre medievale che stava a guardia del vicino castello di Montecalvello e alcune case ipogee utilizzate anche come nascondigli dai “briganti” di fine Ottocento. Fra queste ve ne sono alcune adibite a colombaie, scavate alle pareti con il tipico sistema a nicchiette sovrapposte che, fin dall’età romana e poi nel Medioevo, furono utilizzate per l’allevamento dei colombi a uso commerciale. Sia le case ipogee sia i colombai si trovano sulle pareti delle rupi, ai fianchi dello sperone tufaceo che costituisce il pianoro di Piantorena, molto probabilmente già abitato nel periodo etrusco.

 

Descrizione percorso completo:
Partenza dal campo sportivo di Grotte S. Stefano, attraversamento di tutto il paese per la sua lunghezza passando per la piazza e il Centarello fino alla località Nozzallo, ci si incammina poi verso la Macchia di Piantorena e si arriva al Santissimo Salvatore, visita guidata della località. Ritorno al campo sportivo passando per il rione Magugnano.

 

Ristoro e premio di partecipazione per tutti gli iscritti. Il Pranzo sarà organizzato dall’”Agriturismo Il Casaletto”, le prenotazioni obbligatorie , dovranno essere fatte entro sabato alle ore 12.00 ai numeri 0761/226675 o 368540234. (c)

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email