CIVITA CASTELLANA – Con una condotta di gara quasi perfetta, e con una rosa disponibile per la prima volta di 20 giocatori, la Tusciarugby supera al “Carlo Angeletti” di Civita Castellana i Saraceni 7 di Civitavecchia e conquista la prima “storica” vittoria in un campionato.

 

Dopo il minuto di raccoglimento per le vittime del naufragio nel canale di Sicilia, la gara inizia subito a ritmi serrati con continui cambi di fronte senza che però le due squadre riescano a superare le difese. A sbloccare il risultato ci pensa al 13′ Stefano D’Ottavio che centra i pali con un calcio di punizione. Gli ospiti accennano ad una reazione ma la difesa viterbese sembra davvero in giornata di grazia e placca tutto ciò che gli passa vicino. A incrementare il vantaggio ci pensa ancora Stefano D’Ottavio con un’imperiosa azione personale che penetra la difesa avversaria, mette a sedere con una finta l’estremo e schiaccia in mezzo ai pali. Terminata la fase di studio la mischia biancorossa, guidata dal rientrante Ruben Clementini con Francesco Piana e Simone Del Ciuma ieri protagonisti, sale in cattedra dominando letteralmente le fasi statiche (mischia chiusa e touche) e fornendo palloni su palloni ai tre quarti.

 

Prima della fine del tempo è Stefano Monarca, uno dei migliori in campo, a incunearsi nella difesa, impegnare l’ultimo avversario e passare l’ovale (con un cosiddetto “sottomano” ndr) a Alessio Lucchesi che fa il vuoto e schiaccia in mezzo ai pali per la seconda meta della giornata. Il primo tempo si chiude sul 15 a zero.

 

Al rientro in campo sono però gli ospiti a farsi pericolosi fino a segnare segnare al 15′ una meta. Pronta risposta dei ragazzi di Fabrizio D’Ottavio che prima piazzano una punizione e poi vanno di nuovo in meta, in entrambe le occasioni con Stefano D’Ottavio, ieri davvero decisivo. Ma il Civitavecchia non ci sta e nei minuti conclusivi torna a premere i padroni di casa nella loro metà campo fino a siglare una meritata meta allo scadere che fissa il finale sul 25 a 19.

 

“Finalmente, abbiamo raggiunto uno degli obiettivi che ci eravamo posti ad inizio stagione -gongola raggiante Giancarlo Guerra. I ragazzi sono stati a dir poco straordinari, tutti, anche quelli che sono rimasti in panchina. Al di là del risultato, importantisismo per il morale, e per il futuro della Tusciarugby, quello che conta è lo spirito di squadra che sta venendo fuori, i ragazzi, pur tra mille difficoltà -famiglia, studio ma, soprattutto per i più giovani, lavoro- alla fine riescono lo stesso a mettersi a disposizione della squadra e dei propri compagni e per questo non finirò mai di ringraziarli”.

 

Questi i ragazzi scesi in campo: Lorenzo De Santis, Alessio Lucchesi, Raimondo Montella, Stefano Monarca, Francesco Maria D’Ottavio, Stefano D’Ottavio, Walter De Luca, Federico Proietti Ragonesi, Andrea Cecchinelli (cap), Marco Provenzano, Valerio Silvi, Matteo Porcorossi, Simone Dal Cima, Ruben Clementini, Francesco Piana, Michele Schirripa, Maurizio Spreca, Michel Ciarpi, Diego Maccioni, Jacopo Malachin.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email