VITERBO – Non inganni il punteggio finale: la Stella Azzurra a Cassino è stata in partita, e come, per 30 minuti. Ha condotto la gara anche con 10 punti di margine, ha messo in seria difficoltà una delle squadre migliori del campionato, è uscita dal campo tra gli applausi ed i complimenti convinti del pubblico di casa. E, circostanza non certo trascurabile, lo ha fatto priva di Fabio Marcante, elemento di spicco del team viterbese.

I ragazzi, perfettamente disposti da Fanciullo, sono entrati in campo senza alcun timore reverenziale, convinti di disputare una grande partita e responsabilizzati ulteriormente dall’assenza del loro leader. Velocità e concentrazione, pressing ed ottime percentuali realizzative sono stati gli elementi che hanno costretto il forte team della Presidente Formisano e del DS Manzari a rincorrere per quasi trenta minuti e che hanno preoccupato non poco Coach Vettese. Non era facile per una squadra che per utilizzo di giovani è seconda in tutta Italia nella classifica della LNP tra le 64 formazioni che compongono la serie B, opporsi ad avversari di elevata caratura di un roster che annovera una batteria di lunghi di primissima qualità come Bagnoli, Marsili, Birindelli, Sergio e giocatori del calibro di Serra, Valesin e Del Testa. Ma la Stella ci ha creduto, ha avuto il merito di non disunirsi quando Cassino è rientrata in partita nella seconda frazione, andando al riposo in vantaggio. Poi ovviamente una panchina lunghissima, un’esperienza notevole e la classe indubbia dei padroni di casa sono emerse in tutte le loro caratteristiche ed i biancostellati hanno dovuto soccombere. Ma chi era presente al Palazzetto ha visto certamente non una, ma due buone squadre che a lungo si sono affrontate ad armi pari in una bella partita, purtroppo macchiata da un arbitraggio imbarazzante su entrambi i fronti e che l’osservatore federale presente al tavolo si spera prenda in debita e necessaria considerazione.

Nella Balletti Park Hotel buona prestazione di tutti, con cinque giocatori (Listwon 16, Ingrillì e Fowler 12, Rovere 10) in doppia cifra nelle realizzazioni, un convincente gioco di ciascuno a referto ed il piacevole e meritato esordio finale in serie B di Stefano Piazzolla, ragazzo del ‘2000, uno dei più promettenti giovani del vivaio della Stella.

Una prestazione che al di là del risultato fa ben sperare per il prosieguo del campionato, in attesa del ritorno di Fabio Marcante e del possibile rafforzamento del roster nel mercato di inizio anno.

La squadra riprenderà gli allenamenti martedì in preparazione della difficilissima partita di domenica 27 contro la capolista Valmontone, in un match che i ragazzi vogliono e sapranno certamente giocare con grande impegno e massima determinazione.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email