VITERBO – Primo stop interno per la Stella Azzurra-Ortoetruria che cede al PalaMalè contro una buonissima Formia per 81-85. Partita combattuta, come c’era da aspettarsi, nella quale i tirrenici hanno saputo sfruttare al meglio le loro caratteristiche migliori, velocità e fisicità, contro i padroni di casa che mai come in questa circostanza hanno patito la presenza di un reparto lunghi assai reattivo come quello degli avversari. Rogani ed anche Luzza hanno fatto bene la loro parte, ma l’assenza di un lungo come Manetti si è fatta parecchio sentire in casa biancostellata.

L’Ortoetruria parte bene nella prima frazione che chiude sul 20-15 grazie a buone percentuali realizzative di Caridà e Rovere. Il secondo quarto è equilibrato, con Norbedo che mette in difficoltà la difesa viterbese e Rodriguez e Gattesco che arpionano rimbalzi. Ma la Stella rimane sempre attaccata e Luzza e Milazzo rispondono colpo su colpo agli ospiti, chiudendo metà gara sul 43-44.

Al rientro Formia parte decisamente meglio dei padroni di casa. Gattesco e Norbedo mandano avanti gli ospiti, ma Rogani e Meroi rispondono puntualmente. Per cinque minuti è punto a punto, ma la Stella sbaglia qualche conclusione e gli ospiti ne approfittano subito con tutti i propri uomini che portano punti importanti per chiudere la terza frazione in vantaggio sul 67-60.

Il quarto periodo inizia nel segno di Luzza che mette tre canestri di fila e tiene in partita i suoi, ma subito Formia trova mani caldissime in uno scatenato Norbedo che lancia i tirrenici al massimo vantaggio sul 78-66 a meno di 6′ dalla fine. La Stella non ci sta e reagisce prontamente. Schiacciata di Luzza, poi libero di Caridà, Rovere, cinque punti di Milazzo ed ancora Caridà danno un parziale di 12-2 che riporta in parità i viterbesi che pare abbiano l’inerzia dalla loro parte. Penetrazione di Luzza, canestro e sembra a tutti fallo subìto, ma una interpretazione assai dubbia degli arbitri sanziona l’ala biancostellata con uno sfondamento che rappresenta anche il suo quinto fallo personale. Uscita pesantissima a meno di 2′ dalla sirena finale. Il PalaMalè si infiamma e nella torcida finale Formia ha la capacità di rimanere più lucida e di conquistare due liberi che la riportano sul +2. Sul cambio di fronte Caridà mette una tripla e porta avanti la Stella, ma sbaglia un’altra conclusione affrettata da lontanissimo. Palla a Formia che si riporta in lunetta due volte e fa 2/2. La Stella tenta con due ultimi assalti, ma negli ultimi 30” butta letteralmente al vento due palloni che se ben giocati avrebbero potuto dare una svolta alla gara.

Comunque una bella partita, giocata da due squadre certamente forti, nella quale i tirrenici sono stati bravissimi a sfruttare al meglio la diversa “stazza” del loro roster. Nella Stella buona gara di Rovere, Milazzo e soprattutto di Luzza. Tra gli ospiti, MVP Norbedo.

Ora la Stella preparerà il prossimo impegno di domenica prossima ad Ostia contro l’Alfa Omega, gara in cui tornerà Sebastiano Manetti ed anche Razzino e nella quale sarà fondamentale fare risultato per mantenere intatte le possibilità di chiudere la regular season in prima posizione.

Commenta con il tuo account Facebook