Domenica 18 settembre presso il tratto di mare antistante la sede dell’Assonautica di Tarquinia, in Località Porto Clementino, si è svolta la regata Nazionale dei catamarani “Classe Dart 18” per il Trofeo “G. Maffei”.

Si tratta di una competizione inserita in un circuito nazionale di sette regate veliche che si concluderà con la regata Nazionale di Ostia nell’ottobre 2022.

Erano presenti numerosi equipaggi Dart provenienti dai più prestigiosi Circoli ed Associazioni nautiche di fama nazionale: da Livorno, Ostia, Novara, Forlì, Civitavecchia, Bracciano, Roma ecc.

Tutte le informazioni e le foto sullo svolgimento della regata sono state pubblicate sulle pagine FB ed Instagram dell’Assonautica di Tarquinia.

Alla buona riuscita della Regata ha collaborato anche il locale Circolo Velico Tarkna.

La premiazione è avvenuta nella sede dell’Associazione alla presenza di Vittoria Celli in rappresentanza del socio fondatore Giuseppe Maffei a cui è stata intitolata l’associazione e questo Trofeo velico.

Al primo posto si è piazzato l’equipaggio composto da Contini Francesca dell’Assonautica di Tarquinia e Meini Paolo del Circolo Nautico di Donoratico in provincia di Livorno; al secondo posto Monari Nicoletta e Bertazzoli Enrico dell’Associazione sportiva “Amici del lago Lesa” provenienti da Novara e al terzo posto Baldi Alessandro e Proli Renato della Lega Navale di Civitavecchia.

Nell’occasione della premiazione l’Assonautica di Tarquina ha comunicato in anteprima che nel giugno 2023 ospiterà il campionato Italiano della classe velica Dart 18.

Il Dart 18 è un catamarano a vela di 5,49 mt, pesa 129 Kg è largo 2,29 mt, non ha derive, né boma, ma ha una velatura che gli permette di resistere ad andature anche con venti forti.

È stato progettato da Rodney March ed è stato costruito per la prima volta nel 1975.

Ogni tipo di barca a vela è regolato da una classe velica che in Italia si chiama “DART 18 ITALIA ASD” (www.asidart.it) La classe Dart 18 è una classe velica internazionale riconosciuta sia dalla Federazione Italiana Vela, che dal “World Sailing”.

L’Assonautica di Tarquinia è da molti anni impegnata nella diffusione del diporto e delle attività nautiche a vela e a motore, della canoa, della conoscenza dell’ambiente marino nonché della storia e della cultura marinaresca. Nella stagione estiva appena conclusasi sono stati svolti i consueti corsi di vela ed il ciclo di Conferenze di Archeologia subacque in collaborazione con la Società Tarquiniense di Arte e Storia, nonché un’iniziativa in collaborazione con la Cattedra di Biologia marina dell’Università della Tuscia.

Articolo precedenteNuovamente in Serie A due ragazze viterbesi
Articolo successivoCalcio, amara sconfitta della Viterbese. Negato un rigore netto