VITERBO – Sfuma all’ottantesimo, dopo essere stata in vantaggio per tutto l’arco dell’incontro, il sogno della Tusciarugby di ottenere la prima vittoria sul campo in questa stagione. “Il nostro errore – spiega Guerra – è stato di non aver chiuso la gara nel primo tempo quando abbiamo avuto un’infinità di occasioni per segnare.

 

L’aver permesso ai Bisonti di avere sempre a portata di mano il risultato ha fatto sì che nei minuti finali abbiano dato il massimo e siano stati premiati proprio a tempo scaduto, evidentemente erano molto più motivati di noi”.

 

Davvero suggestivo e carico di significati il fatto di giocare all’interno di un istituto di pena, e così i viterbesi ci mettono un po’ prima di rendersi conto che gli avversari sono sicuramente alla loro portata. Difendono bene però e sono lestissimi a rischierarsi cosa che mette in difficoltà i tre quarti biancorossi che in più di un’occasione falliscono per un soffio la segnatura.

 

A sbloccare il risultato ci pensa alla metà del primo tempo Daniele Bucci centrando i pali con un piazzato. I “padroni di casa” sembrano disorientati e così grazie ad un’invenzione di Francesco Cesarini, che approfitta di uno svarione difensivo per involarsi in mezzo ai pali dopo aver percorso palla in mano oltre metà campo, il Tusciarugby si porta sul 10 a zero con Bucci che trasforma la meta.

 

Prima del cambio di campo sono però i Bisonti ad accorciare le distanze segnando una meta non trasformata. Alla ripresa del gioco sono ancora una volta i viterbesi ad allungare con una splendida meta di Alessio Pacelli che capitalizza una bella azione di Valerio Silvi. Sembra fatta ma quando i Bisonti vanno di nuovo in meta e si infortunano prima Gianulca Fabiani, poi Daniele Bucci quindi Stefano Monarca per i viterbesi la gara comincia davvero ad essere in salita. Nonostante le buone prove dei due debuttanti, Angelo Orlandini e Edoardo Morè, i ragazzi di D’Ottavio sono letteralmente in balia degli avversari complici anche alcune sviste arbitrali.

 

A pochi minuti dal termine Stefano Marinelli ha sui piedi l’occasione per chiudere l’incontro ma sbaglia la trasfromazione da posizione abbastanza centrale. Poi la meta allo scadere dei “padroni di casa” regala loro, è il caso di dirlo, i primi quattro punti in classifica.

Commenta con il tuo account Facebook