VIGNANELLO – Cambio al vertice in casa Vi.Va. calcio. Il ruolo di presidente del club cimino è ora occupato da Luigi Palladino, che sostituisce il dimissionario Elvio Cecchini. Sottufficiale dell’Esercito in forza nella capitale, comando della Cecchignola, il trentaquattrenne Palladino è al debutto come dirigente di una società sportiva ma è comunque uno sportivo a tutto tondo viste e considerate le passioni messe in atto con futsal e footing.

 

«E’ un grande onore rappresentare questo club – ha dichiarato il neo presidente subito dopo la nomina, accompagnata da un fragoroso applauso dei soci presenti – e sono emozionato il giusto ma nel contempo convinto che insieme si potranno fare grandi cose». «Spero soprattutto – ha poi aggiunto – di trasferire alla dirigenza e ai tesserati del Vi.Va. calcio quella disciplina che contraddistingue il lavoro di noi militari».

 

Confermate invece le cariche di vice presidente (Osvaldo Zoco), Segretario generale (Massimo Pasquini), tesoriere (Alessandro Troncarelli), direttore sportivo (Giuseppe Colinelli) e direttore generale per quel che riguarda l’area amministrativo-finanziaria (Pietro Marini). Entra con il ruolo di direttore generale dell’area tecnica Massimiliano Morelli, già responsabile della comunicazione del sodalizio-Vi.Va. calcio.

 

Fra i soci si apre di nuovo il sipario per Giancarlo Camilli, classe 1953, che dopo un anno sabbatico vissuto lontano dalla società “vignanello-valleranese” rientra in corsa come dirigente osservatore. Il settore giovanile resta affidato a Franco Chiricozzi, mentre Gianni Patrizi, dopo una promozione e un’ottima stagione nel corso della quale la squadra ha ottenuto la salvezza con largo anticipo, sarà ancora il “mister” della prima squadra, affiancato per la preparazione atletica dall’altrettanto fidato Graziano Minella.

Commenta con il tuo account Facebook