TARQUINIA – La Quinta Agraria in viaggio di istruzione in Val d’Orcia per un percorso legato alla viticoltura e al vino.   Giovedì 26 maggio gli alunni della classe quinta del corso di Agraria hanno completato un percorso legato alla viticoltura e al vino visitando una delle più prestigiose realtà viti vinicole italiane, l’azienda Agricola Podere Forte di Castiglion D’Orcia.

“I ragazzi hanno potuto affrontare un sistema di differente sviluppo qualitativo della produzione e un esempio elevatissimo di sostenibilità e integrazione ambientale – riferisce il prof. Odoardo Basili che coordina le attività  – Particolare risalto nella visita è stato dato all’approfondimento architettonico del complesso perfettamente integrato nell’ambiente circostante e le tecnologie di cantina volte alla massima capacità espressiva del lavoro in vigna come la selezione ottica degli acini ed il processo di trasformazione che prevede tra l’altro l’annullamento quasi completo di passaggi meccanici dell’uva che si muove nel suo ciclo per caduta naturale. Il processo di vinificazione e invecchiamento sono infine monitorati continuamente in tutte le fasi anche attraverso un laboratorio scientifico aziendale a livelli tecnologici che farebbero invidia ad una università”

“Il tutto in un paesaggio rurale trasformato dalla proprietà con le attività produttive perfettamente integrate attraverso anche processi di coltivazione a bassissimo impatto come le tecnica di coltivazione in biologico e in biodinamico. Una cultura del bello che i ragazzi hanno assorbito e apprezzato con grande entusiasmo. – concludono i prof.ri Maria Grazia Antonelli e Francesco Marchese – La visita è poi proseguita analizzando il paesaggio rurale e le implicazioni economiche ad esso legate visitando poi alcuni dei borghi più suggestivi come Bagno Vignoni e Pienza. Una giornata sicuramente di grande arricchimento sia professionale che culturale”

Articolo precedenteCivita Castellana. Giampieri: da oggi in vigore l’ordinanza per il divieto di usi impropri fornitura idrica potabile
Articolo successivo‘Tuscia in Fiore’ arriva a Viterbo, il 4 e 5 giugno. Nel centro storico la protagonista è l’Arte a 360°