Il sottosegretario del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, onorevole Claudio Durigon; il senatore Umberto Fusco, capogruppo della commissione difesa al Senato e membro della Commissione Vigilanza Rai e il coordinatore di Tarquinia della Lega Lazio, Alessandro Giulivi, invitano tutti i cittadini a partecipare all’incontro dibattito incentrato sull’illustrazione della manovra finanziaria appena approvata dal Governo.

L’incontro si terrà nella sala consiliare del Comune di Tarquinia alle ore 18.30 di domani, venerdì 26 ottobre, e servirà a spiegare ai cittadini, nel dettaglio, i contenuti di questa manovra che tanto fa discutere a livello europeo per i “troppi” aiuti ai cittadini.

«Dalle pensioni alla difesa personale, dalle agevolazioni fiscali all’assistenza delle persone anziane; dal rafforzamento delle forze dell’ordine ad un pensionamento più umano per decine di migliaia di lavoratori vessati dalla legge Fornero.

Un primo appuntamento – sottolinea Alessandro Giulivi, LEGA LAZIO TARQUINIA, –  importante per Tarquinia. La Lega ha voglia ed interesse non a mostrare i muscoli ma ad essere vicina alla gente. Un appuntamento che è solo il primo di una lunga serie e che si concluderà con il rinnovo del consiglio comunale, della gestione di quella che sarà la nuova amministrazione di Tarquinia oltre, naturalmente, al rinnovo del Parlamento Europeo.

Anticipiamo che, in questo percorso, in tanti approderanno su un territorio troppo a lungo trascurato. Dal Ministro dell’Agricoltura Centinaio, al sottosegretario del MIT Armando Siri (per parlare concretamente del futuro della Trasversale) al leader della Lega Matteo Salvini.

Domani è l’occasione per mostrare e dimostrare come di questa manovra finanziaria non ne siano stati raccontati nel dettaglio e nel modo giusto i contenuti e che non è piaciuta all’Europa solamente perché mirata ad aiutare il popolo italiano e non le lobby che fino ad oggi hanno giocato sulle spalle degli stessi.

Vi raccomandiamo di non mancare e di partecipare attivamente al dibattito.

Non ci sono leader, non ci sono lobby. Ci sono gli italiani e domani ci saranno i tarquiniesi».

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email