Torna la “Giornata nazionale del trekking urbano”: la 19esima edizione dell’appuntamento, sempre più atteso e partecipato, si svolgerà lunedì 31 ottobre in 71 comuni delle 17 regioni aderenti alla manifestazione, ideata dal Comune di Siena e in collaborazione con le tre associazione di guide turistiche locali: Associazione Centro Guide, AGT e Federagit. L’evento, che si propone di promuovere il turismo sostenibile, incentivare la scoperta del territorio e valorizzarne le sue bellezze, paesaggistiche, culturali e gastronomiche, si estende e conquista anche la prima grande città europea, quella di Porto, grazie alla collaborazione con URBiNAT, progetto finanziato nell’ambito del programma Horizon 2020 dell’Unione Europea. 

La manifestazione coinvolgerà, all’insegna dello slogan “Che Spettacolo di Trekking”, tutto il territorio nazionale da Nord a Sud.In elenco, si scorgono tanti capoluoghi di provincia, nonché borghi meno conosciuti, ma non meno meritevoli. I percorsi avranno una durata media di due-tre ore e avranno una difficoltà variabile. Tutti i dettagli su orari e itinerari su www.trekkingurbano.info/trekking-urbano-itinerari-2022/.  

“E’ con grande entusiasmo che abbiamo aderito all’appuntamento con la Giornata del Trekking Urbano, – commenta l’Assessore al Turismo del Comune di Tarquinia Martina Tosoni – ‘Che spettacolo di Trekking’ darà la possibilità di vivere alcune ore a contatto con le bellezze artistiche e architettoniche della nostra città, per sviluppare il suo animo green, all’insegna di un modello di visita dolce, sostenibile e che valorizza il territorio. Dopo la definizione del percorso 103 del CAI che termina nel nostro Comune, siamo convinti, come Amministrazione, che questo evento possa contribuire a rilanciare ulteriormente il turismo, in particolare quello dei cammini”.  

Per quanto riguarda Tarquinia, in collaborazione con la società Archeoares che gestisce l’ufficio turistico, si è proposto un itinerario che in circa 3 ore, con partenza e ritorno all’Infopoint di Barriera San Giusto, farà toccare i punti principali del centro storico.

Visto che il 31 ottobre cade a ridosso del ponte di Ognissanti, si è pensato di estendere le possibilità di passeggiata anche al giorno precedente ed al successivo, differenziando gli orari: il 31 ottobre alle 14.30, mentre il 30 ottobre e il 1 novembre alle ore 10.00. L’escursione ha un costo di € 7,00 (gratuita sotto i 12 anni) e prevede l’accompagnamento di una guida che spiegherà i punti salienti del percorso tramite delle radioguide fornite ai partecipanti. Ai primi 50 iscritti verrà regalato uno zainetto con il logo ufficiale dell’iniziativa. Per informazioni e prenotazioni, fare riferimento all’Infopoint ai contatti: 0766.849282 e [email protected].                                                                                                                                      

Il Trekking Urbano è una forma di “sport dolce”, adatto a tutte le età e a tutte le stagioni, ai più allenati e ai meno esperti. È un nuovo modo di fare turismo, sostenibile e “vagabonding”, che privilegia gli angoli più nascosti e meno noti delle città d’arte italiane. Il trekker urbano ha la possibilità di vivere un’esperienza di viaggio unica, coniugando l’attività fisica con la possibilità di immergersi nell’arte e nella natura. Al contempo, si permette alle città di decongestionare le zone attraversate dai flussi turistici tradizionali, allargare il raggio delle visite alle aree più periferiche dei centri urbani e prolungare i soggiorni. I benefici del camminare a passo sostenuto per almeno 20 minuti della salute sono molteplici e ormai pienamente riconosciuti: consente di bruciare circa 150 kilocalorie; di allontanare i rischi, legati a ipertensione, osteoporosi e di curare le conseguenze della vita sedentaria come stress, ansietà, depressione. Gli itinerari proposti dalle città che in questi anni hanno aderito alla Giornata Nazionale del Trekking Urbano hanno una durata media che varia da una a quattro ore, consentendo a chi li percorre di bruciare da un minimo di 450 kilocalorie (per 60 minuti) a un massimo di 1.800 kilocalorie (per 240 minuti).

Articolo precedenteBolsenArte torna in veste invernale, dieci spettacoli a ingresso libero
Articolo successivoRaccolta differenziata Montefiascone, i nuovi contenitori non sono sicuri