Dall’ordinanza della Regione Lazio ai sensi dell’articolo 32, comma 3 della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica, ci aspettavamo maggior chiarezza. Dalle prime notizie, la delibera non aggiunge nulla rispetto al testo del…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedenteCalcio, la Virtus Acquapendente mette in campo idee e progetti
Articolo successivoFanfara di Torre Alfina con l’uovo di pasqua dei Bersaglieri