TARQUINIA – Mesi di lavoro per l’allestimento. Oltre 300 comparse. Una città che si ferma e si mobilita per partecipare. È il Presepe Vivente di Tarquinia, la manifestazione di Natale più attesa nel paese etrusco. Il 26 dicembre il debutto. Poi il 30 dicembre e il 6 gennaio 2018, per il gran finale con l’arrivo dei Re Magi e del loro fastoso corteo.
Il convento di San Francesco è la location. Per il secondo anno consecutivo, il gioiello architettonico che domina la parte più alta del centro storico, con panorama sulla Tuscia, ospita la rievocazione. Novità per il percorso. L’ingresso sarà dalla chiesa della Trinità, trasformata nella corte di Re Erode. Da un portone laterale, si proseguirà per alcuni metri su via padre Ronca, per entrare nel convento di San Francesco e lasciarsi catturare dalla magica atmosfera della rievocazione.
Sarà un presepe vivente ancora più recitato. Figuranti in costume, guardie romane, soldati, fornai, fabbri, pastori, si presenteranno o dialogheranno per dare vita a un grande spettacolo. Ogni quadro sarà una scena entusiasmante e gustosa, perché ci sarà grande spazio per le delizie della gastronomia locale: zuppe calde, bruschette con l’olio della Tuscia, castagne e vino. Per rendere ancora più indimenticabile la rappresentazione un annullo filatelico speciale delle Poste Italiane, in collaborazione con Circolo Filatelico Numismatico di Tarquinia.
È consigliabile lasciare la propria auto fuori dalla cinta muraria. L’apertura delle casse è alle ore 16. Saranno posizionate in piazza Giacomo Matteotti. Il costo del biglietto è di 5 euro, invariato rispetto al 2016. Alle casse sarà possibile acquistare anche l’annullo filatelico. L’ingresso alla rievocazione è dalle ore 17.
La manifestazione è organizzata dall’associazione Presepe Vivente di Tarquinia, con la Pro Loco Tarquinia, il Comune di Tarquinia, la Diocesi di Civitavecchia – Tarquinia, il Comitato di Quartiere San Martino, l’Associazione Anziani con l’Hobby del Modellismo e la Pro Tarquinia. Ha il patrocinio della Regione Lazio (Lazio Eterna Scoperta) e della Provincia di Viterbo.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email