E’ online la caccia al tesoro su Tarquinia, ideata dalle studentesse e gli studenti del 3°A turistico e 3°A Classico dell’IIS Vincenzo Cardarelli, vincitori del Concorso “Alla scoperta di…” indetto da Startupper School Academy, il programma della Regione Lazio e Lazio Innova attraverso il quale si punta “a creare un bacino di giovani talenti dal quale attingere per costruire un nuovo modello di sviluppo, più giusto, più democratico e più sostenibile”.

Il progetto Alla scoperta di, realizzato in collaborazione con il MAXXI, ha offerto agli studenti l’opportunità di sviluppare idee e progetti per valorizzare e promuovere le bellezze del nostro territorio, attraverso la realizzazione di app e di un gioco interattivo come la caccia al tesoro, e rientra nelle attività di PCTO (ex alternanza scuola lavoro).

I turisti che giungono a Tarquinia possono collegarsi con il proprio cellulare al portale cosavederearoma.com e, nella sezione “Alla scoperta di”, avviare la caccia al tesoro che, partendo dal Parco delle Mura, si snoda nel centro storico seguendo le tracce di una città d’altri tempi, Corneto che viene “narrata” attraverso foto d’epoca abbinate alle parole di Vincenzo Cardarelli.

La caccia al tesoro è pensata per fruitori tra i 16 ed i 30 anni e prevede undici tappe, undici quesiti da risolvere con arguzia, guardandosi intorno e – soprattutto – divertendosi!

Il progetto, seguito dalle prof.sse Paganelli e Maffei, ha impegnato le due classi per tutto l’anno scolastico ed è stato tra i 6 vincitori del Contest regionale: il 1 giugno, con grande emozione, il team ha partecipato alla premiazione che si è svolta presso il Talent Garden School di Roma.

Un particolare ringraziamento va al Sig. Roberto Gazzillo, che ha fornito agli studenti il ricco apparato fotografico relativo a “Corneto”.

Per giocare alla caccia al tesoro “Alla scoperta di Tarquinia e Corneto”: https://www.cosavederearoma.com/alla-scoperta-di-tarquinia-e-corneto-caccia-al-tesoro/

Articolo precedenteBomarzo, sanzione di 20.000 euro per cava senza autorizzazione
Articolo successivoAnguilla di Bolsena e Vernaccia, storia e gastronomia per la promozione turistica