Le macchinette mangia bottiglie inserite nella campagna “Plastic Free” non sembrano proprio voler funzionare a dovere. Non so più da quanto tempo ne parlo, – scrive Laura Liguori – potevano essere un modo per incentivare ad acquistare nelle attività di Tarquinia grazie agli ecopunti ed al contempo potevano aiutare la cultura del riciclo: invece è stato un flop.
L’ultima novità sono gli ecopunti fantasma: la macchinetta nei pressi del centro commerciale Top 16, infatti, nonostante sia stata risistemata (fino a qualche settimana fa’ il vano che emetteva gli scontrini era danneggiato, mentre ora risulta ripristinato) al raggiungimento di 12 bottiglie conferite emette scontrini perfettamente bianchi.
Probabilmente è finito l’inchiostro per la stampa dei ticket degli ecopunti… ma non è il solo problema. Nonostante una ragionevole attesa tra il conferimento di una bottiglia ed il conferimento successivo, e nonostante si senta regolarmente il rumore della compattazione della plastica, spesso le bottiglie non vengono conteggiate.
Dunque non solo capita che per arrivare ad avere un ticket occorra conferire ben oltre le 12 bottiglie richieste, ma al momento della stampa lo scontrino risulti anche bianco. L’ennesima beffa di queste macchinette, che continuano a funzionare ad intermittenza, sempre troppo raramente.
Spero davvero – conclude Laura Liguori – che questa ennesima segnalazione pubblica, che segue alle tante a mezzo email inviate nei mesi precedenti, possa servire a far funzionare bene il servizio (sarebbe ora!).