La prima serata di Historiae Nocte è stata un successo senza precedenti. Sono stati oltre 370 gli spettatori presenti alla Necropoli di Madonna dell’Olivo a Tuscania per la prima serata della manifestazione dedicata alla storia di Tuscania e al suo patrimonio archeologico, storico ed artistico, organizzata dal Gruppo Archeologico Città di Tuscania in stretta collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale, con il patrocinio del Ministero della Cultura, della Provincia di Viterbo e dei Gruppi Archeologici d’Italia.

Una folla di spettatori, cittadini di Tuscania e turisti, giovani e meno giovani sono stati guidati nella narrazione della storia etrusco-romana della città dall’archeologo dott. Alessandro Tizi, accompagnati dalla musica del musicista e compositore Cristiano Paolini sotto la sapiente regia di Gabriele Pierantozzi. Il viaggio attraverso la storia e attraverso il sito archeologico è stato reso magico dalle luci eccezionali appositamente create da Massimiliano Falaschi e dalle voci narranti coordinate da Federico Costantini e realizzate da Giuseppe Prochilo.

Un evento unico ed eccezionale che si ripeterà in altri punti di Tuscania per proseguire la narrazione della storia tra il Medioevo e l’età moderna.

“Sono senza parole – commenta il Direttore Alessandro Tizi – ma tutto questo mi emoziona. Si tratta di un successo oltre le più rosee aspettative, tanto che abbiamo dovuto modificare alcuni dettagli dell’evento in corso d’opera proprio a causa dell’elevatissimo numero di spettatori.

Voglio solo commentare la forza e la capacità organizzativa di quest’associazione e voglio ringraziare tutti i volontari che si sono spesi nella realizzazione di questo evento con maestria e senza sbavature.

Voglio fare i nomi perché se lo meritano: Franco Livi, Alessandro Mencini, Francesco Tizi, Gabriele Pierantozzi, Federico Costantini, Ivana Proietti, Giuseppe Prochilo, Patrizia Sensi, Claudia Sensi, Chiara Nicolai, Massimo Pierantozzi, Vincenzina Astolfi, Alessandro Maurizi, Massimo Napoli, Maria Alesini, Francesco Tizi, Antonella Esposito, Luca Scatena e Riccardo Pieri. A loro si deve dedicare questa serata meravigliosa.

Il nostro scopo è proprio questo: valorizzare, salvaguardare e promuovere il nostro patrimonio culturale in chiave pubblica e partecipata. Queste iniziative mirano a questo e continueremo a farlo, in sinergia con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, con il Sistema Museale Regionale del Lazio e con tutti gli altri enti e le altre istituzioni pubbliche. Per tale motivo, intendo ringraziare la dott.ssa Margherita Eichberg, Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale, la dott.ssa Simona Carosi, Funzionaria Archeologa per il territorio di Tuscania, la dott.ssa Sara De Angelis, Direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Tuscania e Mario Fulgenzi, Assistente Tecnico della Soprintendenza.

Importante, inoltre, sottolineare che ieri è stata abbondantemente superata la quota di 1000 presenze nella Necropoli di Madonna dell’Olivo nei primi sette mesi del 2022. Un segno tangibile che il lavoro svolto dal Gruppo Archeologico Città di Tuscania sta continuando a dare i suoi frutti.”

Articolo precedenteBattisti Legend a Ferento, omaggio a Lucio Battisti della Pambianchi Band
Articolo successivoValentano, sabato l’evento dal titolo “Far reverenza Madama”