Il Sindaco di Tuscania, Fabio Bartolacci, ha emanato un’ordinanza con la quale posticipa l’apertura delle scuole site sul territorio comunale, e quindi l’inizio dell’anno scolastico, al 24 settembre 2020.

La decisione, come chiarito dal testo dell’ordinanza, è stata presa dal Sindaco, sulla base delle osservazioni presentate dai Dirigenti dei pressi scolastici che hanno sede a Tuscania.

Il Dirigente scolastico, Dott.ssa Paola Adami, ha rappresentato le proprie valutazioni in merito all’avvio dell’anno scolastico 2020/2021 per le scuole dell’IC “Ildovaldo Ridolfi” di Tuscania, con particolare riferimento al plesso della scuola primaria, sede di seggio per lo svolgimento della consultazione referendaria, chiedendo il differimento dell’avvio delle attività didattiche per almeno 10 giorni, nell’impossibilità di garantire un’apertura dei plessi scolastici dell’IC nella massima igiene e in piena sicurezza per gli alunni e i lavoratori coinvolti nelle attività scolastiche. 

In linea con le preoccupazioni del Dirigente Adami, la nota inviata dalla Dott.ssa Laura Piroli, Dirigente dell’IISS “Vincenzo Cardarelli di Tarquinia” con sede distaccata in Tuscania, con la quale si chiede all’Amministrazione comunale la messa in atto delle misure necessarie a dare alla scuola la possibilità di assicurare la riapertura in condizioni di ragionevole sicurezza sotto il profilo sanitario, con locali allestiti, sanificati e disponibili ad accogliere gli alunni secondo la normativa attualmente vigente, nonché a pieno regime in termini di personale docente e personale ATA.

A conferma di quanto già individuato dalle Dirigenti scolastiche, il sopralluogo effettuato a cura del Sindaco e del Responsabile del Settore Tecnico nelle strutture sopra indicate, dal quale è emerso il persistere della mancanza di garanzia da parte degli Istituti interessati delle condizioni di sicurezza igienica e sanitaria previste dalla vigente normativa in materia di prevenzione del contagio da Covid-19.