Approvato il 31 luglio scorso con grande soddisfazione l’assestamento per il 2019 del bilancio che ha fatto registrare, già dal primo anno di amministrazione Bigiotti, un incremento pari a 172 mila euro delle entrate.

Numerosi e importanti gli interventi che l’amministrazione ha in programma sulla base dei maggiorati introiti. Le cifre più importanti riguardano il finanziamento di 103 mila euro ricevuto dalla Regione Lazio, sulla base del progetto redatto e presentato dal Comune, per l’adeguamento e messa a norma della scuola materna e i 50 mila euro erogati dal Mise che permetteranno di riqualificare una parte importante del nostro centro storico, ai quali si aggiungono  14 mila e 500 euro per la microzonanzione sismica e
5 mila euro derivanti da donazioni da parte di istituti di fondazione privata per il restauro dell’aula dell’ex pretura.

“Non nascondo la mia soddisfazione – dichiara il sindaco Stefano Bigiotti – per il lavoro svolto sia dagli amministratori che dagli uffici comunali preposti. Il finanziamento rivolto alla scuola dell’infanzia ci permette di mettere in sicurezza un’altra realtà importante per la nostra comunità. In un solo anno di amministrazione abbiamo così restituito l’istuto Paolo Ruffini agli studenti delle medie, qualche mese fa, e ora potremo risistemare anche la scuola dell’infanzia. A proposito dell’istituto scolastico abbiamo inoltre ricevuto recentemente il parere positivo del genio civile per procedere con i lavori di totale adeguamento antisismico per il plesso principale e i nostri uffici stanno già lavorando ai procedimenti necessari per avviare le opere previste per un ammontare economico di circa 570mila euro. Corre l’obbligo di ringraziare la Regione, ma anche il Mise che ci permetterà di rendere il nostro centro fruibile veramente a tutti. Dal canto nostro – ha poi continuato il primo cittadino- continueremo a lavorare per ottenere sempre maggiori risultati nella riqualificazione del paese al fine di renderlo sicuro e accessibile, oltre che vivibile ed esteticamente piacevole, come abbiamo già fatto attraverso il nuovo moderno arredo urbano”.

Commenta con il tuo account Facebook