valentano

Domenica 25 novembre alle 16, presso la sala conferenze della Rocca Farnese, lo psicologo Romolo Sega parlerà di “Amore e rapporti di coppia”.

Il comune, in linea con la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le donne, ha organizzato un incontro con un professionista, per approfondire alcuni temi troppo spesso correlati alla violenza stessa.

Una piaga purtroppo ancora radica nella nostra società che, nonostante gli importanti e recenti interventi normativi, sembra non avere fine.

L’amministrazione quindi, a sostegno delle rappresentanti dell’universo femminile meno fortunate, aderisce alla manifestazione organizzata a livello internazionale per contrastare la violenza di genere.

“Abbiamo pensato di organizzare questo incontro con uno psicologo – ha dichiarato il sindaco Stefano Bigiotti – perché riteniamo sia assolutamente fondamentale che le donne abbiano gli strumenti per riconoscere la violenza che sovente si cela dietro altre manifestazioni emotive. Erudire le donne a proposito di comportamenti sbagliati e a valutare campanelli d’allarme, crediamo sia il miglior modo per tutelarle, almeno in fase preventiva”.

Teatro spesso di violenze verbali e fisiche, le mura domestiche possono diventare il luogo in cui la violenza viene sommessamente coltivata, fino a sfociare in femminicidio. Secondo i dati ISTAT le donne che si sono rivolte ai centri antiviolenza nel 2017 sono 49.152, di queste 29.227 hanno iniziato un percorso di uscita da questa atroce situazione. Il 26,9% delle donne che ricorrono ai centri sono straniere e il 63,7% ha figli, minorenni in più del 70% dei casi.

Inoltre sempre secondo le statistiche 4 su 100 sono i minori che assistono sistematicamente alle violenze tra i genitori.

Non solo mura domestiche, ma anche nei luoghi di lavoro, dove si stima siano 1 milione 404mila le donne che hanno subito molestie fisiche e ricatti sessuali da parte di un collega o addirittura del datore di lavoro. Dati che parlano di una società ancora impreparata e poco attenta.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email