Il Comune di Valentano è stato premiato oggi dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, nell’ambito dell’iniziativa “Diamo luogo alla Cultura”; premio destinato proprio ai vincitori dei bandi 2021 per la Valorizzazione dei Luoghi della Cultura e delle Dimore storiche del Lazio.

Il prestigioso Auditorium del Museo nazionale delle Arti del XXI secolo di Roma ha fatto da cornice alla premiazione, a cui ha partecipato anche il Ministro della Cultura, Dario Franceschini, che si è complimentato con gli amministratori presenti per l’eccezionale risultato ottenuto dai 62 comuni del Lazio.

È un onore e un privilegio poter ricevere oggi questo Premio” ha dichiarato il Sindaco, Stefano Bigiotti, “un riconoscimento che ci gratifica per tutto l’impegno e per la determinazione che la nostra Amministrazione ha sempre profuso nella valorizzazione dei beni culturali presenti sul territorio valentanese, un’eredità storica e artistica di straordinario pregio che contraddistingue e connatura per bellezza e unicità il nostro patrimonio materiale.”

Nel corso degli ultimi tre anni il Comune di Valentano ha ottenuto il riconoscimento regionale per ben tre dimore storiche, ottenendo per il secondo anno di fila l’ambito finanziamento messo a disposizione dalla Regione Lazio, prima con il progetto di restauro della Chiesa di Santa Croce, oggi con la previsione di recupero e allestimento dello spazio espositivo della Rocca Farnese.

Non può che essere motivo di orgoglio quando una nostra progettualità viene così apprezzata”, ha fatto eco il Presidente del Consiglio Comunale, Lorenzo Ranucci, “abbiamo sempre creduto nelle potenzialità della Rocca Farnese, grazie a questo ulteriore finanziamento, il Comune di Valentano potrà finalmente rendere merito agli spazi che temporaneamente accolgono mostre, conferenze e manifestazioni utili e necessarie alla vita culturale della nostra comunità. Un altro impegno che ci eravamo assunti in campagna elettorale e che possiamo ora portare a compimento”.

Articolo precedenteViterbo. Chiusura scuole e rimodulazione linee trasporto pubblico
Articolo successivoBolsena festeggia il 13 giugno Sant’Antonio da Padova