«Si è parlato, con Polidori, dell’annosa questione Talete e di come CasaPound Italia Cimini intende portare avanti, sul territorio, la battaglia per l’acqua pubblica, iniziando dalla richiesta per un referendum comunale a tal proposito.

Mauro Antonini, responsabile CasaPound Italia per il Lazio, ha invece illustrato, oltre alle future e possibili battaglie a livello regionale, quella che è la visione del movimento della tartaruga frecciata al riguardo, ossia volere una pronta ripubblicizzazione del sistema idrico nazionale.

Infine l’intervento tecnico e prezioso di Gian Piero Joime, docente universitario, che ha narrato tutta l’evoluzione storica del processo di privatizzazione delle acque in Italia, a partire dagli anni 90 (periodo dove hanno inizio le grandi liberalizzazioni, per mano prevalentemente dei governi di centrosinistra ma non solo) fino ai giorni nostri, di come l’esito del referendum del 2011 sia stato completamente disatteso e di tutte le inefficienze del sistema da quando esso è stato privatizzato.

Un pomeriggio davvero interessante, – comentano da CasaPound Italia Cimini – anticipatore di quello che sarà l’impegno di CasaPound sul territorio a favore di questa battaglia fondamentale».

 

Commenta con il tuo account Facebook