Nel corso della mattina incontro in Provincia con il vincitore del premio studenti, Igor De Amicis

Domani, sabato 25 di maggio, si svolgerà la giornata conclusiva della quinta edizione del Premio Letterario “Corrado Alvaro – Libero Bigiaretti“. Rivolto a opere edite di narrativa italiana, il Premio è dedicato alla memoria di Corrado Alvaro e Libero Bigiaretti, entrambi sepolti nel locale cimitero di Vallerano, nel cuore della Tuscia viterbese. Il Premio è organizzato dal Comune di Vallerano in collaborazione con l’associazione culturale Officina Mente.

Due gli appuntamenti in programma. Alle ore 9,30, presso la sala Conferenze della Provincia di Viterbo, si terrà l’incontro di premiazione di Igor De Amicis, vincitore della “sezione studenti” con il suo romanzo “La settima Lapide” (DeAPlaneta).

A votarlo i ragazzi di cinque istituti superiori della Tuscia: il liceo-ginnasio Mariano Buratti, l’istituto tecnico Leonardo da Vinci, il liceo artistico Ulderico Midossi, l’istituto di istruzione statale superiore Francesco Orioli e il liceo scientifico Paolo Ruffini. Studenti che saranno presenti alla sala conferenze dell’Amministrazione provinciale, in via Saffi, per un incontro con l’autore.

Alle ore 17,30, in piazza dell’Oratorio a Vallerano si terrà l’incontro di premiazione della vincitrice assoluta dell’edizione 2019 Nicoletta Bortolotti con il romanzo “Chiamami sottovoce” (HarperCollins).

Nicoletta Bortolotti, nata in Svizzera, vive a Milano. Ha pubblicato, fra gli altri, i libri per ragazzi Sulle onde della libertà (Mondadori), finalista al premio Bancarellino e vincitore del premio Comoinrosa, In piedi nella neve (Einaudi Ragazzi), finalista al premio Bancarellino, vincitore del premio Il Gigante delle Langhe e del premio Letteratura Ragazzi Cassa di Cento, Oskar Schindler Il Giusto (Einaudi Ragazzi), vincitore del premio Città di Cattolica, e La bugia che salvò il mondo(Einaudi ragazzi). Per adulti ha pubblicato Neomamme allo stato brado (Baldini & Castoldi Dalai), Il filo di Cloe (Sperling & Kupfer), E qualcosa rimane (Sperling & Kupfer), vincitore del premio Leonforte (Università di Catania) e del premio Carver.

Nel corso del pomeriggio sarà anche presentato il carteggio inedito tra Corrado Alvaro e Vito Laterza (1952-1956), recentemente pubblicato a cura del direttore artistico del premio, Giorgio Nisini, a cui seguiranno un ricordo di Libero Bigiaretti da parte di Alfredo Luzi e la premiazione delle scuole e dei ragazzi vincitori del Concorso “Scrittori si diventa”.

“Davvero grazie – commenta Giorgio Nisini – a tutti coloro che stanno consentendo al premio Corrado Alvaro – Libero Bigiaretti di crescere e di affermarsi a livello nazionale, per l’amore e l’impegno che stanno mettendo in campo a sostegno di questo progetto: le due giurie, scientifica e popolare, gli studenti, i docenti e i dirigenti delle scuole coinvolte, gli amministratori del Comune di Vallerano, i nostri sponsor, soprattutto la Uil Scuola e Marco Mizzella. E poi tutto il resto del direttivo”.

Il premio – aggiunge il sindaco di Vallerano, Adelio Gregori – è ormai un appuntamento irrinunciabile per la nostra comunità che l’Amministrazione comunale intende sostenere, contribuendo a farlo crescere nel panorama letterario nazionale. Partecipare è un’occasione preziosa per noi valleranesi, per rinnovare quel legame di amicizia e di riconoscenza con due scrittori importanti del Novecento, Corrado Alvaro e Libero Bigiaretti, che hanno scelto Vallerano e da Vallerano sono stati adottati affettivamente. È un’occasione preziosa anche per conoscere meglio il loro lavoro e alcuni tratti della loro storia e della loro personalità”.

Commenta con il tuo account Facebook