A Roma si è svolta la 22ª edizione dell’Appia Run gara particolarissima che parte dalle Terme di Caracalla si immette sul ciottolato dell’Appia antica per poi immeggersi nello sterrato del Parco della Caffarella tornando sulla Via Cristoforo Colombo sino all’arrivo nella pista dello Stadio delle Terme di Caracalla.

Notevole la partecipazione nella gara competitiva di 13 km. con 1452 atleti arrivati. Per L’Atletica Alto Lazio erano presenti 6 atleti della squadra master guidati da Stefano Martelletti che si è classificato 14° assoluto e 2° di categoria con il tempo di 49’36”; buon 81° posto anche per il nuovo arrivato in squadra Umberto Citti con il tempo di 56’07” e 2° di categoria. Gli altri con Roberto Amoruso tempo 1h04’03”; Mario Grossi con 1h04’39”; Roberto Percossi con 1h05’07” e Mauro Toli in 1h09’35”.

A Vasanello si è svolto invece il 1° Trail delle Nocciole gara molto impegnativa sia per la distanza di 15 km. sia per il tracciato impervio nelle campagne dei Monti Cimini. Oltre alle complicanze sopracitate ci si è messo anche un nido di calabroni che ha mandato in ospedale per le punture 12 atleti, mentre altri egualmente punti, tra cui anche le nostra atlete, sono tornate a casa e si sono curate personalmente con farmaci appropriati.

Nel dettaglio grandissime prestazioni degli atleti ASD Alto Lazio con 3 classificati nei primi 10; Fabio Troncarelli 4° assoluto seguito da Daniele Becchelli 5° e Fabrizio Ciferri classificatosi 10°. A seguire Massimiliano Pieralisi, Mirco Nesta e Daniele Cucciniello.

Le nostre ragazze si sono ben distinte, nonostante le sopradette punture di calabroni, con Monica Santini 7ª assoluta seguita da Alessandra Anetrini. (F.M.)

Articolo precedenteIl Biodistretto Lago di Bolsena mette in discussione la sentenza del Consiglio di Stato sul progetto geotermico di Castel Giorgio
Articolo successivoViterbese-Grosseto, i 24 giocatori convocati da Mister Raffaele