VASANELLO – “Abbiamo restituito la giusta dignità all’acquedotto comunale.” Il sindaco Antonio Porri comunica l’avvenuta ripulitura delle scritte politiche che erano comparse sui muri della struttura.

“I tempi dell’intervento si sono protratti perché, trattandosi di un impianto storico, nato addirittura nel 1936 e poi ampliato nel 1990, abbiamo dovuto rispettare determinate prescrizioni per il rispetto delle caratteristiche originarie.

Non si poteva certamente passare una semplice mano di vernice ma si è reso necessario l’ausilio di una sabbiatrice, con i relativi tempi tecnici.

L’amministrazione comunale quindi si è adoperata il prima possibile per tutelare l’integrità dei beni architettonici e storici del paese, condannando e stigmatizzando, ancora una volta, l’azione vigliacca di poveri incivili che non sanno come impiegare meglio il loro tempo.

La ripulitura dell’acquedotto infatti è solo l’ultimo, in ordine di tempo, degli interventi per la salvaguardia del patrimonio effettuati sempre in maniera tempestiva e senza distinzioni di sorta.”

Commenta con il tuo account Facebook