Come sempre distratti e frettolosi.
La minoranza di Vasanello, ancora una volta, ha perso una buona occasione per evitare di ridicolizzarsi da sola.
Prima di divulgare ai quattro venti la fake news relativa ai lavori mai iniziati alle scuole medie del paese, bastava recarsi direttamente sul posto e verificare che, in realtà. il cantiere è aperto e funzionante, come riportato, tra l’altro, da un cartello alquanto evidente.
Ad oggi infatti – continuano il Sindaco Antonio Porri e l’Assessore Massimiliano Creta – sono stati completati il primo e secondo piano per quanto riguarda la posa delle lastre in acciaio necessarie per l’adeguamento sismico e si sta procedendo esternamente con il ripristino dell’intonaco ed il successivo completamento tramite inserimento, anche in questo caso, di placche di acciaio.
Ci teniamo a sottolineare, inoltre, che grazie ai contributi ottenuti relativamente al progetto per l’ efficientamento energetico della scuola media  finanziato con il contributo del fondo di Kyoto concesso con decreto del  4 giugno 2018, gli stessi lavori saranno realizzati con un risparmio complessivo di 126.300 euro rispetto al primo progetto definitivo.
Lo scorso 1° marzo è scaduto il termine per la presentazione delle offerte per la parte relativa all’ efficientamento energetico, ed entro i prossimi giorni la commissione di gara esaminerà le offerte, in modo da procedere quanto prima all’ aggiudicazione dei lavori restanti.
D’accordo con la dirigente scolastica abbiamo ritenuto più opportuno evitare ai ragazzi uno spostamento da un edificio all’altro durante l’anno scolastico che avrebbe di certo comportato maggiori disagi.
Con il tempo necessario di esecuzione, avremmo una struttura nel nostro comune che sarà un fiore all’occhiello per quanto riguarda l’adeguamento sismico e l’emissione a impatto zero, requisiti che, tra l’altro, ci permetteranno di avviare la richiesta GSE per l’eventuale ottenimento degli specifici contributi previsti.
In sostanza, abbiamo ereditato dalla sinistra una struttura problematica sin dall’inizio e fanalino di coda in provincia che, per merito del centrodestra invece diventerà un’eccellenza sul territorio.
Concludendo capiamo il gioco delle parti ed il fatto che la minoranza debba recuperare consensi,   ma iniziare una campagna elettorale a distanza di due anni ci sembra veramente eccessivo, anche perché con una comunicazione distorta e poco approfondita si rischia, in realtà, che la campagna elettorale venga fatta a favore dell’avversario.

Commenta con il tuo account Facebook