«La mozione di sfiducia presentata da tutte le forze dell’opposizione nei confronti del Vice Presidente del Consiglio Comunale è stata respinta senza contraddittorio! Siamo coscienti della necessità del rispetto delle regole, ma nel bilanciamento dei diritti, i “cavilli burocratici” non possono (e non devono) prevalere». Queste le parole con cui il Circolo PD di Vetralla, nella persona del Segretario, Nicoletta Brama, denuncia l’accaduto in Consiglio Comunale, a seguito della vicenda che ha coinvolto la Consigliera con delega alla formazione professionale, scuola di arti, mestieri e tradizioni e Vicepresidente del Consiglio comunale.

Nei giorni scorsi, infatti, alla vicepresidente è stato duramente contestato, sia dagli esponenti dell’opposizione che da una parte dell’opinione pubblica vetrallese, un commento apparso su Facebook nel quale la stessa consigliera, verosimilmente riferendosi all’evento del Lazio Pride tenutosi a Viterbo la scorsa settimana, scriveva: «Vai al Lazio pride con la mascherina […]. Tanto te incontro a Vetralla, ieri vi ci voleva De Luca :D :D :D #lanciafiamme».

«Ci affidiamo al buon senso del Sindaco Aquilani affinché possa accogliere la richiesta di confronto e di discussione nell’ampio rispetto della democrazia.

In caso contrario, nostro malgrado, chiediamo pubblicamente al Sindaco Aquilani: “quale è la Sua posizione e della Sua maggioranza in merito alle esternazioni sul Lazio Pride Viterbo, tenutosi in data 09/07/u.s. riferite dalla consigliera nonché vice presidente del consiglio comunale?

Questo è un atto dovuto nei confronti di tutta la cittadinanza e soprattutto di chiunque si sia sentito offeso dalle parole pubblicamente dette da un membro della sua maggioranza» – aggiunge il PD Vetralla.