Rosella Lisoni la scrittrice viterbese (originaria di Marta) ha partecipato al VII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo, (Premio Nobel per la Letteratura), edizione straordinaria per celebrare i 120 anni dalla nascita del poeta riservato ai testi inediti ed editi di poesia e narrativa, saggistica, teatro, musica ricevendo un ambito riconoscimento.

Rosella Lisoni ha partecipato col suo saggio Eros e Thantos ne I Racconti di Canterbury di Pier Paolo Pasolini a cui è stata conferita la menzione speciale al merito letterario.

La giuria era composta da: Alessandro Quasimodo (Presidente) attore, autore, regista teatrale, figlio del Premio Nobel Salvatore, da Giuseppe Aletti, editore, critico letterario, poeta, ideatore de Il paese della poesia, da Valentina Meola, direttore editoriale, e da altri esperti del mondo della cultura, informazione e docenza scolastica.

Il premio è stato organizzato per contribuire alla promozione e allo sviluppo della cultura nella realtà di oggi.
Il concorso che ha riscosso grande successo in ambito letterario, è stata una nuova affermazione per Rosella Lisoni che ha partecipato con il saggio sul cinema di Pasolini, amico di Salvatore Quasimodo, e la giuria lo ha considerato uno “scritto” particolarmente emozionante.

Rosella Lisoni

Nell’anno 2022 che ricorre il centenario della nascita di Pasolini il premio assume un valore particolare, alla luce degli innumerevoli eventi volti alla celebrazione di questo immenso autore che ha segnato la vita culturale del 900 e che ancora riscuote consensi ovunque ed è ricordato e studiato in Europa e nel mondo.

La redazione di www.ontuscia.it formula i suoi migliori auguri a Rosella Lisoni anche in vista dell’uscita del suo secondo saggio su Pasolini che tra qualche mese vedrà la luce e dopo le presentazioni ufficiali sarà disponibile nelle librerie.

Articolo precedenteFaleria: coltivava in casa 19 piante di marijuana in una serra, denunciato dai Carabinieri e sequestrata la serra
Articolo successivoViterbo, il meteo per domani 4 Gennaio 2022