Lunedì 1 Marzo 2021, alle ore 16.00 si terrà, online, il III° incontro della sesta edizione del ciclo di seminari “A volte ritornano …”

Matteo Duranti, dopo essersi diplomato presso il Liceo Scientifico “P. Ruffini”, ha conseguito Laurea Triennale, Specialistica e Dottorato in Fisica presso l’Università degli Studi di Perugia. E’ oggi Ricercatore all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) – Sezione di Perugia. Oltre all’attività didattica presso il Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università degli Studi di Perugia, Matteo svolge attività di ricerca sulla fisica sperimentale delle particelle elementari nello spazio, nell’ambito di diversi progetti internazionali di ricerca, attualmente operativi in orbita (AMS-02) che futuri (HERD, ALADInO, AMS-100).

AMS-02 (Alpha Magnetic Spectrometer – 02) è un rivelatore di particelle all’avanguardia, operante come un modulo esterno sulla Stazione Spaziale Internazionale a partire dal 19 Maggio 2011. Studia l’universo e la sua origine ricercando l’antimateria e la materia oscura tramite misurazioni precise della composizione e del flusso dei raggi cosmici. Le osservazioni dell’AMS-02 aiutano a rispondere a domande fondamentali, come “Che cosa costituisce la massa invisibile dell’universo?” o “Cosa è successo all’antimateria primordiale?

Sarah Recchia , dopo essersi diplomata presso il Liceo Scientifico “P. Ruffini”, ha conseguito prima la Laurea Triennale e poi la Laurea Specialistica in Fisica presso L’università “La Sapienza” di Roma per poi conseguire il dottorato di ricerca presso il Gran Sasso Science Institute – L’Aquila. Per i successivi 3 anni è stata post-doctoral researcher presso il Laboratoire Astroparticule et Cosmologie Universite Paris DiderotParis, France. Dall’inizio del 2021 è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Fisica dell’Università di Torino.

La ricerca di Sarah è oggi centrata su importanti aspetti della fisica dei raggi cosmici come la loro fuga dalle sorgenti, la possibile provenienza di elettroni di alta energia da sorgenti locali e l’effetto dei raggi cosmici di bassa energia sul mezzo interstellare.

Nonostante la sua giovane età Sarah è già coautrice di un cospicuo numero di pubblicazioni su riviste scientifiche anche di notevole prestigio internazionale e di articoli divulgativi (qui un esempio

«Nel seminario di Lunedì 1° Marzo, Matteo e Sarah presenteranno ai ragazzi del Ruffini, e a chiunque altro vorrà seguire il seminario, una breve panoramica dell’attività di ricerca svolta. In particolare, nella chiacchierata, verrà discusso di come l’indagine della Natura richieda un continuo e stabile “gioco di squadra” fra le due componenti alla base del Metodo Scientifico: descrizione teorica e “previsione” dei fenomeni fisici e osservazione sperimentale degli stessi e verifica/confutazione del modello teorico. Oltre alla necessaria sinergia fra “teoria” e “esperimenti” verrà discusso di come lo studio delle “Astro-particelle” presenti una perfetta sinergia fra lo studio dell’Astrofisica e della Fisica delle Particelle Elementari.

La chiacchierata sarà principalmente un’occasione per discutere delle motivazioni alla base della scelta della Ricerca Scientifica come attività lavorativa e di come questa, viceversa, possa fornire occasioni e opportunità uniche: “ma anche chi ha studiato a Viterbo può diventare un ricercatore di alto livello?”, “è necessario fare l’Università negli USA?”, “ma quali sono gli sbocchi lavorativi avendo studiato Fisica? Non si rischia la disoccupazione?”, “l’attività di ricerca è principalmente solitaria in uffici bui e freddi?”, …

Per partecipare all’incontro è sufficiente collegarsi al link:

https://meet.google.com/acs-qfcy-syw

Per eventuali, ulteriori chiarimenti rivolgersi all’insegnante referente prof. Ercoli A. ([email protected])

Nel ricco sito web del progetto “A volte ritornano…” si trova

  • l’intero programma del progetto di quest’anno
  • i programmi e i materiali dei seminari delle edizioni precedenti
  • … e tanto altro».