Lo scorso 31 maggio si è svolta, presso la sede ANPI di Viterbo, in via della Polveriera 10, una riunione preparatoria per costruire a Viterbo una “Rete Antifascista per la Costituzione” con la presenza di associazioni, sindacati e forze politiche che si riconoscono nei valori democratici e costituzionali.

L’iniziativa è promossa dalla Sezione ANPI “Nello Marignoli” che «propone, come base iniziale di discussione, il documento “Mai più fascismi”, diffuso dall’ANPI Nazionale circa un anno fa. Ad essa hanno già aderito le seguenti organizzazioni:

ARCI, Associazione Erinna, Associazione Sans Frontiere, CGIL, CISL, CoBaS, Comitato Non ce la beviamo, Giovani Democratici, Lista civica Impegno Comune, Lista civica Lavoro e Beni Comuni, Lista Civica Viva Viterbo, Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Partito Rifondazione Comunista, Patria Socialista, Potere al Popolo, Rete degli Studenti, UIL, USB.

Questo è un invito rivolto a tutti: in particolare alle realtà organizzate non comprese nell’elenco precedente, e soprattutto alle singole cittadine e ai cittadini che ne condividano l’impostazione. Tutti sono pertanto invitati a fare da cassa di risonanza, ad allargare questo invito a chiunque possa essere interessato, a far si che l’iniziativa coinvolga quante più persone possibile senza alcuna preclusione.

Convochiamo pertanto un’Assemblea Pubblica per:

Venerdì 28 giugno 2019, alle ore 17:00

presso la Sala Conferenze della Provincia di Viterbo, via Saffi, 49

alla quale tutti potranno intervenire.

Decideremo insieme, in base al principio “una testa, un voto”, come procedere, che iniziative prendere, che struttura organizzativa darci. Tutti i contributi saranno ben accetti.

L’ANPI ritiene che la nostra città possa e debba reagire a fronte dei numerosi episodi di violenza e intolleranza fascista che si susseguono da tempo nel nostro territorio, e contrastare l’affermazione di movimenti e partiti che, non solo non rinnegano il fascismo, ma rivendicano quella storia come la loro storia.

Vorremmo inoltre promuovere una discussione nel Consiglio Comunale al fine di tener vivi e rilanciare nella nostra città i valori democratici, e invitare tutte le istituzioni a operare affinché lo Stato manifesti pienamente la sua natura antifascista in ogni sua articolazione, impegnandosi in particolare sul terreno della formazione, l’istruzione, la memoria, la conoscenza e l’attuazione della Costituzione.

Per aderire (organizzazioni e singole persone), chiedere o dare informazioni, e per ogni contributo, scrivere a: [email protected]».

 

Commenta con il tuo account Facebook