Dall’ 11 marzo scorso le Associazioni studentesche dell’Università della Tuscia hanno avviato una raccolta di beni di prima necessità per dare un contributo alla comunità ucraina.
L’iniziativa ha visto la partecipazione di moltissime studentesse e studenti, dimostrando la voglia della comunità studentesca di dare supporto ed aiuto attivamente, a tutti coloro che stanno affrontando questa guerra.
Per questo, hanno deciso di non fermarsi prorogando l’iniziativa fino al 25 marzo p.v. presso i due punti di raccolta individuati che saranno aperti dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle ore 19:00, rispettivamente presso:
– AULETTA AUSF – Via San Camillo de Lellis, Blocco A, Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali.
– STANZA PIANO TERRA – Santa Maria in Gradi, Rettorato, Via S. Maria in Gradi, 4 (accanto alle sedi delle associazioni).

Si possono donare vari tipi di beni:

Assorbenti
Pannolini
Omogeneizzati
Latte in polvere
Traverse
Coperte termiche
Sacchi a pelo
Indumenti pesanti
Indumenti da bambino
Prodotti per l’igiene
Biancheria intima nuova
Antidolorifici
Antinfiammatori
Garze e siringhe
Bendaggi
Giochi per bambini
Torce e pile
Cibi a lunga scadenza

Tutti i beni verranno consegnati al punto di raccolta, organizzato dalla Comunità Ucraina di Viterbo, presso i locali adiacenti la Chiesa di Santa Maria del Suffragio.

“Agire, in questo momento, è importante. Farlo insieme è fondamentale”!
Le associazioni studentesche dell’Unitus

Articolo precedenteRonciglione ospiterà “Dietro la maschera: Carnevale dal mondo antico alla contemporaneità”
Articolo successivoGiornata Nazionale vittime Covid-19, bandiere a mezz’asta sulla facciata di Palazzo dei Priori