Nella serata di giovedì 1° dicembre, presso il Ristorante Baita La Faggeta, si è svolta la cena di beneficienza organizzata dal nostro Gruppo Consiliare del PD di Viterbo. A partecipare anche il Consigliere regionale Enrico Panunzi, che ringraziamo per la sua presenza e il suo costante sostegno a beneficio del territorio di Viterbo e della Tuscia.
Un’occasione per riunire tutte le persone che condividono i valori e il percorso che ci hanno portati a sedere tra i banchi della sala d’Ercole del Comune di Viterbo e che hanno voluto sostenere il fine solidale di devolvere il ricavato a supporto delle famiglie che si trovano a dover affrontare le conseguenze della pandemia e quelle della crisi economica, con il caro bollette, il caro vita, la perdita o la difficoltà di trovare lavoro.
La povertà e la diseguaglianza sociale sono infatti criticità evidenti anche nella Tuscia, dove molte sono le richieste di aiuto da parte di coloro che, soffocati dalla crisi, non riescono a far fronte alle spese di tutti i giorni. Per questo motivo, siamo scesi in campo rivolgendoci direttamente alla comunità, unendo le nostre forze e dando vita a un’iniziativa concreta.
Tante le persone che hanno aderito. A loro va il nostro ringraziamento perché insieme abbiamo messo in luce la capacità dei cittadini di fare rete con l’obiettivo comune di tamponare situazioni sociali difficili, contrastando anche le eventuali situazioni di marginalizzazione e isolamento a danno dei meno fortunati.
Nel corso della serata ci sono stati diversi momenti conviviali che hanno lasciato spazio ad un clima di aggregazione, coesione e di profondo spirito di solidarietà. Organizzata anche una lotteria di beneficienza con in palio prodotti e servizi offerti da attività locali che ringraziamo e in particolare l’iniziativa è stata realizzata grazie alla collaborazione del Supermercato Todis; Antico Forno di Pianoscarano; Caffè Marini La Quercia; Compagnia della bellezza di Isabella Troscia; Piscina MGM Pool – By Mattioli; Glass drive Viterbo.

Articolo precedenteVasanello e il Camerun: un bellissimo esempio per l’Italia di cooperazione decentrata
Articolo successivoAddobbi natalizi, pericoli e costi dei consumi