Bilancio consuntivo, la maggioranza va bocciata senza appello e senza attenuanti. I Viterbesi devono sapere che, oltre all’erba alta, cosa che subito salta all’occhio, ci sono atti e dati che certificano l’inefficienza e l’incapacità della maggioranza. Ad un anno della nomina della giunta siamo a constatare che i soldi a disposizione lasciati dalla precedente amministrazione non sono stati spesi. Dubitiamo che possano invertire la tendenza con i 6 milioni di euro che hanno a disposizione oggi, da utilizzare entro dicembre 2019.

La maggioranza è rimasta inerme di fronte a diverse opportunità già programmate e progettate dalla passata amministrazione. Interventi utili alla città di Viterbo, che dovevano essere svolti entro il 31 dicembre 2018 ma che sono stati deposti nel dimenticatoio per la consueta sciatteria che contraddistingue la giunta Arena.

Che non si dica che il Comune non ha fondi. Infatti sono stati gettati alle ortiche, ben:

  • 203 mila euro per la manutenzione e la messa in sicurezza degli immobili comunali;

  • 407 mila euro destinati alle strade;

  • 380 mila euro per modernizzare il sistema informatico che permette ai cittadini di interagire con il comune per tutti i bisogni direttamente on-line;

  • Interventi per circa 70 mila euro sull’ ex-Scuola della frazione di Bagnaia. che poteva fornire uno spazio aggregativo alle associazioni incitandone la vita culturale e sociale;

  • 127 mila euro per interventi sulle strade del capoluogo;

  • interventi di circa 57 mila euro per sanare la difficile realtà cimiteriale delle frazioni di S. Martino e di Bagnaia;

  • per non citare i risarcimenti danni ai privati che il comune doveva erogare entro il 31 dicembre del 2018.

Arena si dimostra ogni giorno di più un grande mistificatore della realtà ma davanti ai fatti i cittadini sapranno valutare. Una maggioranza apatica ha votato il rendiconto, avrebbero votato qualunque cosa pur di ricominciare con i soliti balletti dei rimpasti, delle poltrone di cui questa giunta ha il primato. Procedano con l’ennesimo cambio di casacca, vedremo a chi toccherà stavolta intanto, la città è abbandonata a se stessa. A quando una seria assunzione di responsabilità?

Commenta con il tuo account Facebook