Lo scorso dicembre il Ministro Franceschini ha istituito la soprintendenza di Viterbo, Rieti e dell’ Etruria meridionale. “Si tratta di un segnale di grande attenzione verso un territorio che custodisce uno straordinario patrimonio culturale e paesaggistico forte di una sua specificità storicamente riconosciuta” ebbe a dire il Ministro.

Un riconoscimento – prosegue Luisa Ciambella, Capogruppo PD comune di Viterbo –  al brand dell’ Etruria meridionale, esaltato dall’Istituzione del Distretto culturale e turistico che porta il suo nome sento di aggiungere. Una grande opportunità per il nostro territorio che dovremmo cogliere fino in fondo auspicando che la stessa Soprintendenza troverà la sua naturale ubicazione proprio nella nostra Città. Il Ministero deve decidere e io credo che Viterbo dovrebbe candidarsi ad ospitare la Soprintendenza. Immaginiamo solo quanto sarebbe importante per i soggetti economici della nostra provincia avere l’interlocutore in loco.

Il ministro Franceschini istituendo la soprintendenza ha ridato linfa ad una entità turistico-culturale-storica ed ambientale che spetta a noi rilanciare e sfruttare svegliandoci dal torpore e dalla inedia in cui è caduta la nostra Città.

E’ innegabile che questa nuova configurazione della sopraintendenza consentirà un rapporto più stretto e fecondo con il nostro territorio dandoci l’opportunità di non subire più le decisioni dall’alto e la possibilità di meglio tutelare il nostro paesaggio, il nostro ambiente oltre che la nostra economia. Ora serve il contributo di tutte le realtà territoriali, istituzionali ed economiche a cui lancio un appello in questo senso per poter chiedere di ospitare la sede della Soprintendenza.

Ho inviato un’ordine del giorno in questo senso affinché anche il Consiglio comunale possa esprimersi sostenendo la proposta oltre che per chiedere un impegno preciso del Sindaco Arena in merito.