Al Teatro San Leonardo, domenica 2 ottobre alle ore 18, il secondo appuntamento della venticinquesima edizione del festival del Teatro FITA – Premio Città di Viterbo e quarto Memorial Francesco Mencaroni. In scena la compagnia I Commedianti del Cilindro, di Broccostella (FR), con Chi è chiù felice ‘e me, il lavoro di Eduardo De Filippo, il più amato drammaturgo della letteratura teatrale del novecento. Regia di Federico Mantova. La manifestazione è realizzata con il contributo del Comune di Viterbo, della Fita regionale Lazio e del comitato provinciale di Viterbo.

“Dopo lo stop a causa della pandemia – sottolinea il presidente provinciale Fita Bruno Mencarelli – non avremmo potuto fare un’apertura migliore. Grande consenso di pubblico la scorsa domenica, tra i presenti anche l’assessore alle politiche sociali del Comune di Viterbo Patrizia Notaristefano. La grande affluenza di spettatori registrata lo scorso 25 settembre ha soddisfatto organizzatori e attori che hanno ricevuto applausi anche a scena aperta durante la rappresentazione di Delitto imperfetto, portato in scena dall’associazione Il Melangolo di Viterbo. Brave le attrici che, con maestria, hanno interpretato i vari ruoli con brillante ed estroversa versatilità divertendo il pubblico, ma anche facendolo riflettere sul microcosmo umano. Tirchieria, introversione, repressione e vittimismo non senza un pizzico di ironia e comicità – ha concluso Mencarelli – hanno condotto lo spettatore in un finale veramente a sorpresa. Ci vediamo domenica per il secondo appuntamento”. Costo biglietto: intero 10 euro, ridotto 7 euro, ridotto Fita 5 euro. Teatro San Leonardo, via Cavour. Info: 333 3411866.

Articolo precedenteRoute21, fa tappa a Viterbo il giro d’Italia in moto con i ragazzi Down
Articolo successivoViterbo, l’opposizione chiede alla Sindaca Frontini di riferire sulle nuove assunzioni di personale