L’ondata di gelo in Italia era stata già annunciata da giorni ; in molte città e nella stessa Roma si stanno attuando piani di emergenza-freddo, mettendo a disposizione posti letto anche all’interno di spazi pubblici.
Nessun segnale in questo senso è pervenuto dal Comune di Viterbo.
Il giorno della vigilia di Natale – prosegue Paola Celletti di ‘Lavoro e Beni Comuni’ –  abbiamo già avuto una giovane vittima della precarietà.

Cosa aspetta il Sindaco Arena ad aprire e mettere a disposizione spazi e locali di proprietà pubblica ai senzatetto?

Quante altre vittime dell’indifferenza e dell’ipocrisia dobbiamo attendere?

Associazioni e gruppi di cittadini si stanno muovendo per distribuire coperte, vestiti e latte caldo a chi è costretto a dormire all’aperto.

Il nostro Comune intende fare la sua parte o se ne lava le mani, per lasciare tutto il compito ai volontari?
Non si può mostrare il bel presepe ai turisti e lasciare per strada chi non sa dove rifugiarsi.
La città di Viterbo non merita questo e noi non vogliamo essere complici dell’indifferenza.
Il Sindaco provveda subito ad attrezzare ed aprire strutture pubbliche adeguate ad accogliere i senzatetto.