“Estate: tempo di vacanze, di gite al mare o in montagna, di partenze intelligenti o meno. Tanta voglia di evasione, avventura, voglia di divertirsi e mantenersi in salute.

Le escursioni in montagna – comunica Stefania Di Blasi, l Presidente del Club Alpino Italiano Sezione di Viterbo, – sono senza alcun dubbio una delle più belle attività da fare in estate: per scoprire luoghi meravigliosi, godere del paesaggio, coniugare i nostri passi con il respiro lento della natura….

Il CAI, Club Alpino Italiano, da anni impegnato per la tutela dell’ambiente montano e per una corretta e consapevole frequentazione della montagna, raccomanda agli escursionisti di seguire alcune semplici regole per prevenire incidenti e trascorrere una tranquilla giornata:

Programmate l’itinerario scegliendo un percorso adatto alla vostra preparazione;

Scegliete equipaggiamento e attrezzatura idonei;

Consultare i bollettini meteo;

Non partite da soli ma nel caso, lasciate sempre informazioni sul vostro itinerario;

Fate attenzione alle indicazioni e alla segnaletica che trovate sul percorso e comunque non esitate a tornare sui vostri passi!

Per un’escursione diurna consigliamo di portare sempre nello zaino una cartina della zona dove ci troviamo,la copertura in caso di pioggia, una maglietta di ricambio, protezione per il sole, acqua in abbondanza, cibo energetico e kit di pronto soccorso. Naturalmente è indispensabile il cellulare per allertare i soccorsi in caso di necessità”.

Per un’estate all’insegna della sicurezza ricordiamo il numero unico per chiamare i servizi di emergenza e cioè il 112.

In provincia di Viterbo la Sezione del CAI è da anni impegnata nell’assistenza agli escursionisti in situazioni di emergenza attraverso la locale stazione del Soccorso Alpino, che opera in sinergia con le altre forze di protezione civile per interventi di soccorso in ambiente montano e non solo. Un servizio di pubblica utilità formato da volontari, uomini e donne di montagna, addestrati e specializzati. A tutti loro il nostro grazie per l’infaticabile opera svolta e a tutti voi una buona estate “sicuri in montagna” con il Soccorso Alpino e Speleologico.

Articolo precedenteProvincia di Viterbo e Comuni contrari alla realizzazione dell’impianto di biometano ad Arlena di Castro
Articolo successivoAIA: promossi Di Giovenale e Battistin