«Lo ripetiamo quasi quotidianamente ed è vero: sembra non esserci fine all’orrore delle azioni umane e la vicenda di Spes, il pastore tedesco, trovato con le zampe strette – fino ad incidergli la carne – da una fascetta da elettricista e gettato in una fogna a Grotte Santo Stefano ne è una agghiacciante rappresentazione.

La cosa che rende ulteriormente insostenibile questi fatti di inaudita crudeltà è che nessuno pensa che questo episodio sia l’ultimo, anzi il rischio è quello di assuefarci a tutto ciò, perché ogni giorno c’è un fatto più grave che ci induce a sopportare il precedente, ma questa è una deriva molto pericolosa che dobbiamo contrastare sempre e comunque.

La violenza sugli animali è ormai diventata un’epidemia, tanto più subdola e virulenta quanto più appare oggetto di una frequente minimizzazione “C’è ben altro” “Con tutto quello che si sente nei telegiornali” “ Ma in fondo si tratta solo di un animale”…..

Le considerazioni che possono discendere da questi orribili episodi sono diverse, ma è legittimo chiedersi se molto è da riferire ad un diffuso senso di impunità di cui spesso questi reati finiscono per godere.

Si, perché rendere giustizia è difficile in generale, difficilissimo quando si tratta di renderla agli animali. Occorrono pene più severe e sentenze esemplari! Non è possibile interrogare un animale durante un processo penale per chiedergli se e quanto ha sofferto, ma chi convive con uno di loro sa benissimo che possiamo facilmente leggerlo nei suoi occhi e nel suo comportamento..

E’ bene anche fare mente locale su un ulteriore aspetto del problema che non deve essere sottovalutato: chi compie questo genere di reati è una persona cattiva e senza scrupoli che, se non fermata, circola libera e in grado di ripetere atti simili nei confronti di altri esseri viventi umani e/o animali.

Dobbiamo contribuire tutti a trovare il colpevole, perché l’abuso e la sofferenza subite da Spes devono avere giustizia, quindi l’appello, che rivolgiamo in particolare alla comunità di Grotte Santo Stefano, nella quale vivono tante persone di grande sensibilità animalista, e’di aiutare il corso delle indagini fornendo ogni possibile testimonianza.

Dobbiamo dare atto all’assessore Micci di essersi attivato per conoscere meglio la vicenda, le condizione del povero cane e condannare recisamente l’ignobile atto, riservandosi di promuovere quelle iniziative utili ad individuare il colpevole, tra le quali quella di un incontro con i cittadini di Grotte Santo Stefano

L’auspicio è quello di un lavoro sinergico tra forze dell’ordine e Procura della Repubblica (alla quale il servizio veterinario della asl di Viterbo ha presentato denuncia contro ignoti), le quali sappiamo svolgono il proprio lavoro con perizia e puntualità, auspicabilmente non disgiunte da una sensibilità particolare verso quegli esseri che non hanno voce propria.

Le condizioni di Spes migliorano, ma certamente le cure dovranno continuare soprattutto per quanto riguarda le gravi lesioni alle zampe i cui esiti finali non possono essere ancora definiti.

Una cosa è fin da ora certa, però, la cura che farebbe sicuramente la differenza anche per Spes resta sempre una: l’amore di una nuova famiglia che meriti il privilegio di averla accanto!».

Così comunicano:

-Ass.Mifidodifido: Cristiano Zappi, Alessia Buzzavo, Orietta Brinchi, Massimiliano Trippamera

-Ass.Musi Sereni : Roberta Filoscia, Paola Pallotta

-Ass.Amici Animali onlus: Paola Viglino

-Animaliamiciviterbo.it : Maria Antonietta Stella

-Ass.Bastet: Francesca Zancanaro

-per il Gruppo animaliste volontarie Bagnoregio: Francesca Rossi , Chiara Pagliacci

-Nicola Pollastrelli

-Ornella Cporossi

-Anna Iuzzarelli

-Antonella Bruni

Commenta con il tuo account Facebook