«Scrivo per un doveroso ringraziamento agli operatori e medici che lavorano presso il Pronto Soccorso e Medicina d’urgenza dell’Ospedale di Belcolle di Viterbo.

Ringrazio -dichiara Paolo Minchella – perché ho riscontrato una grande professionalità nel curare mio padre ricoverato per una patologia diversa dal Covid-19 e questo dimostra quanto sia pregiudizievole a volte il nostro pensiero nell’affermare che di questi tempi le strutture ospedaliere curano solo chi si ammala di Covid.

Per ultimo lodo il protocollo che viene adottato nella gestione dei ricoverati e, pur con una vena di malinconia per non vedere mio padre ricoverato, penso che sia quello giusto.

Bisognerebbe affidarci molto di più alla professionalità di chi lavora presso la struttura ospedaliera senza Osteggiare con le nostre, seppur condivisibili, preoccupazioni pensando che medici ed infermieri tentano tutto il possibile per salvare vite umane. Grazie di cuore».