Tempo di premi per l’ITT Leonardo da Vinci di Viterbo, questa volta sono stati premiati per un video gli alunni Musicco, Seleveschi, Pinna, Di Gangi, Calin e Cavallo alunni che proprio in questi giorni stanno affrontando la prova orale degli esami di maturità, con risultati sicuramente eccellenti.

Sono stati selezionati tra i migliori videomaker della scuola italiana, sono risultati terzi e premiati a Bologna in occasione del Festival “Il Cinema Ritrovato”. A Bologna si è svolta la premiazione del primo concorso nazionale di videomaking per la scuola. L’Accademia Video Making è un progetto nato da Marco Ferrari, docente di filosofia e storia al liceo Malpighi, e Simone Fratini di Schermi e Lavagne, dipartimento educativo della Cineteca di Bologna, e finanziato dal bando “Cinema per la scuola” del Miur e Mibac per promuovere la cultura del cinema come linguaggio privilegiato della comunicazione dei saperi.

Sono stati oltre 1500 gli studenti di tutta Italia che hanno seguito il percorso di 10 videolezioni sul mondo del cinema, della realizzazione e della produzione video realizzate da esperti del settore, tra cui Gian Luca Farinelli, direttore della Fondazione Cineteca di Bologna, Fabio Bonifacci, sceneggiatore e scrittore, e Claudio Cupellini, regista di Gomorra – La serie.
“La vita rinasce in un incontro”, questo era il titolo del Concorso a cui hanno partecipato i ragazzi delle scuole superiori con la realizzazione di un cortometraggio di 6 minuti.

Gli alunni premiati fanno parte del team della Produzione Audiovisiva che da qualche anno guida gli studenti nell’arte delle videoproduzione, guidata dal Professore Angelo Gigliotti. Una delle finalità dell’Istituto è quella di promuovere attitudini che nella vita saranno una chiave in più per la realizzazioni delle proprie professionalità.

Il video che è stato realizzato si riferisce alle problematiche del Cyberbullismo e il titolo è “La prossima volta pensaci” e sarà disponibile a breve sul canale televisivo ITTTV dell’Istituto https://www.youtube.com/user/itisleonardodavinci/videos

Commenta con il tuo account Facebook