La Provincia di Viterbo informa i cittadini che nella mattina di lunedì 24 ottobre inizieranno i lavori di manutenzione straordinaria del Ponte Torrente Vezza, sito nel territorio del Comune di Bomarzo. Per eseguire correttamente e in sicurezza l’intervento sarà necessario interdire il traffico in entrambi i sensi di marcia della S.P. 19 Valle del Tevere, dal ponte stesso (Km 12,300 circa) fino al bivio con la S.P. Bomarzese (km 14,500). 

I lavori di manutenzione straordinaria del Ponte Torrente Vezza si sono resi necessari per risolvere una serie di criticità emerse durante sopralluoghi e controlli, così da garantire la piena sicurezza dei tanti utenti che percorrono il tratto. 

Per consentire il regolare svolgimento dei lavori, per i quali è previsto anche l’ausilio di una piattaforma aerea del tipo by-bridge, non è però possibile consentire il regolare deflusso del traffico veicolare. Il tratto tra il ponte e lo svincolo con la S.P. Bomarzese verrà quindi chiuso al traffico, residenti esclusi, in entrambi i sensi di marcia fino al completamento dei lavori. Non è ancora prevista una data certa per la chiusura del cantiere, ma si stima che l’interdizione del tratto possa durare circa tre settimane.  

Il percorso alternativo sarà costituito dalle S.S.P.P. Grottana – Teverina – Acquarossa e S.S. Lugnano/Attigliano. Per quanto riguarda invece il percorso alternativo in ambito umbro, per quanto riguarda il solo traffico leggero sarà costituito dalla S.P. Lugnano/Attigliano – S.R. 205 Amerina – S.P. Alviano – S.P. Todi/Orte tratto Alviano. Per quanto riguarda invece il traffico pesante l’Autostrada A/1 e le relative uscite di Orvieto e Orte. 

I lavori di manutenzione straordinaria del Ponte Torrente Vezza si inseriscono all’interno di un’ampia serie di interventi sulle strade della Tuscia commissionati dalla Provincia di Viterbo. Interventi che non sono affatto terminati, molti altri sono infatti già stati cantierizzati, e che stanno portando a un generale miglioramento della rete viaria locale.

Articolo precedenteViterbo, alla riscoperta dell’archivio storico del Paolo Savi
Articolo successivo FdI Viterbo: “Il Comune dia chiarimenti sul mercatino di Natale”