VITERBO – Mercoledì presso l’istituto tecnico tecnologico “L. Da Vinci”, gli studenti hanno incontrato il Tenente Colonnello Gianfranco Paglia, Medaglia d’Oro al Valor Militare, e il capitano pilota dell’ Aviazione dell’Esercito Carla Brocolini che hanno parlato del ruolo delle Forze Armate nelle operazioni di pace.

 

L’incontro, svolto in base a un’intesa realizzata tra Ministero della Difesa e MIUR, ha l’obiettivo di diffondere i valori etico-sociali, della storia e delle tradizioni militari e permettere la conoscenza del ruolo delle Forze Armate al servizio della collettività.

 

La conferenza è stata svolta volutamente in maniera dinamica: dopo una breve presentazione dei due testimonial e la visione di un filmato, edito dal Ministero della Difesa e riguardante le quattro Forze Armate, è iniziato un dibattito che ha permesso agli studenti di conoscere e approfondire gli argomenti che ritenevano più interessanti.

 

“La Scuola svolge un ruolo primario nello sviluppo delle competenze della convivenza civile e noi, oggi, abbiamo raccontato la nostra realtà, le Forze Armate, nel loro sviluppo a favore della crescita sociale e democratica del nostro Paese, parlando anche delle opportunità professionali di studio riservate alle fasce giovanili”, ha dichiarato entusiasta il Ten. Col. Paglia.

 

Racconti di vita professionale ed emotiva che hanno permesso agli studenti dell’ Istituto Tecnico di vedere dall’interno una realtà molto diversa dalla loro e di prendere consapevolezza del contributo che il Soldato Italiano può fornire anche in settori diversi da quelli di suo primario impiego.

 

“L’Italia è stato l’ultimo dei paesi aderenti alla NATO a consentire l’ingresso femminile nelle Forze Armate e paradossalmente questa condizione di “ritardo” ha agevolato l’ingresso e l’integrazione della componente femminile”, ha dichiarato il Capitano Brocolini, citando la sua personale esperienza di volontaria prima e ufficiale inseguito.

 

“A livello personale, a oggi, -ha continuato- non ho incontrato ostacoli alla mia progressione di carriera nella mia organizzazione, l’Esercito Italiano, in quanto donna”.

 

La conferenza, svolta in occasione della ricorrenza del Centenario della Grande Guerra e del 70° anniversario della Guerra di Liberazione e della Resistenza, è inserita in un progetto che prevede la valorizzazione del contributo offerto dalle Forze Armate per la difesa della Patria e delle libere istituzioni, nonché per la tutela delle pari opportunità e degli interessi nazionali nel più ampio contesto delle organizzazioni internazionali delle quali l’Italia fa parte.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email