VITERBO – La professoressa Tangari timbra per l’ultima volta il cartellino circondata da alunni e colleghi che, commossi, l’hanno ringraziata e salutata.

La preside stessa del liceo statale Paolo Ruffini, Maria Antonietta Bentivegna, ha ringraziato la professoressa Elisabetta Tangari, colonna portante dell’istituto, la quale “serafica, da anni svolge il suo lavoro con passione, simpatia, dolcezza e sempre con il sorriso, esempio per tutti noi”.

La Tangari riceve fiori, regali, abbracci sia degli alunni che dei colleghi che l’hanno ringraziata di tutto quello cheha dato per loro e per la scuola: il suo entusiasmo, l’allegria, la passione per il proprio lavoro.
Soprattutto con gli alunni la professoressa aveva da sempre instaurato un rapporto umano, oltrechè, insegnante-alunno, per questo tutti la adorano, perchè oltre ad insegnare e lasciare un bel ricordo della matematica e della fisica (tanto che molti dei suoi ex-alunni hanno vinto le Olimpiadi della Matematica e sono diventati Ingnegneri), lascia un ricordo di amica e di mamma ai ragazzi che ha seguito per una vita intera nel momento più importante, il momento delle vere scelte, prima dell’università o del percorso professionale.

Se tutti avessimo avuto una professoressa così, probabilmente oggi ci sarebbe più passione per il proprio lavoro, armonia, gioia di vivere e, come tutti hanno detto della Professoressa, il “saper sorridere e sdrammatizzare” in ogni situazione, anche la più difficile.

La Tangari, a sua volta, commossa, ringrazia e saluta e dice, semplicemente, con il sorriso: “i 42 anni di carriera e in particolare i 22 anni di insegnamento in questo liceo sono volati e solitamente il tempo vola quanto si sta bene… è stato davvero bello insegnare ai tanti ragazzi che ho conosciuto e che ricordo uno per uno ed ora forza con gli esami di maturità che ci attendono!”.

Questo “ci” attendono lascia capire tante cose, a conferma di quanto summenzionato.Grazie Professoressa Tangari, “Grazie Professoré”.